Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Il fischietto dei controllori

Norme e comportamenti contro la corruzione

Andrea Battista 30/10/2017

Andrea Franzoso Andrea Franzoso Nei giorni scorsi ha avuto una certa risonanza il caso di Andrea Franzoso e del suo libro-testimonianza "Il disobbediente". Franzoso faceva parte dell'organismo di vigilanza delle Ferrovie Nord e si era accorto che il Presidente sottraeva risorse ingenti alla società. Non potendo denunciarlo al proprio capo - che era il presidente medesimo - ed essendo l’azienda pubblica, è andato dai carabinieri e la palla è passata alla magistratura. Comportamento impeccabile. Ma la reazione del sistema ha portato Franzoso ad essere prima emarginato e poi senza lavoro. Tutti hanno additato la normativa, che ancora non tutela il cosiddetto whistleblower (chi “soffia nel fischietto” e denuncia l’illecito) e hanno chiesto una veloce approvazione delle norme da tempo in discussione, per allineare l'Italia alle best practice internazionali. Non c'è dubbio che in materie come la corruzione e le normative di contorno non ci sia altro da fare - specie per l'Italia - che allinearsi ai migliori standard e che una buona cornice normativa serve.
 
Ma le norme non bastano se la cultura e i comportamenti non sono coerenti, specie quando si parla di posizioni piuttosto senior. La cosa oltremodo sorprendente infatti è che una persona come Franzoso non vada a ruba sul mercato degli auditor, quando ha dimostrato nei fatti di fare esattamente il suo mestiere, ossia controllare e scoprire le irregolarità. Franzoso è infatti rimasto per non poco tempo senza lavoro. Mi immagino le obiezioni, come il timore che l'intransigenza sfoci in rigidità ingestibile, che la domanda di lavoro per “controllori” non sia esattamente quella di ingegneri digitali e, infine, che le norme influenzeranno nel tempo anche la cultura. Certo resta forte il dubbio che se comportamenti diffusi non vanno nella giusta direzione, poco potranno le norme almeno nel breve periodo, se non diventare un, a volte sin troppo, comodo alibi.
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.