Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Vitalizi ed equità

O palese iniquità

Giancarlo Santalmassi 28/07/2017

Vitalizi ed equità Vitalizi ed equità La questione dei vitalizi degli ex parlamentari merita qualche ulteriore commento. E’ stato sostenuto che l’intervento si ispira a criteri di equità: nessuno dovrebbe ricevere come pensione più di quanto ha versato come contributi. Ciò è vero se si accetta una logica strettamente individualistica e para-assicurativa. Ma questo non è l’unico approccio che si può seguire. L’equilibrio di un sistema pensionistico è un fatto macroeconomico e non di corrispondenza assicurativa. Vi sono infatti Paesi, come la Danimarca, in cui esistono le pensioni, ma non si pagano contributi, e l’equilibrio del sistema è assicurato dalle regole di calcolo e dalla fiscalità generale. In ogni caso, se si vuole seguire una logica assicurativa essa andrebbe applicata a tutti i pensionati (e pensionandi). Se così si facesse, si vedrebbe che gli squilibri maggiori del sistema italiano riguardano non solo e non tanto gli ex parlamentari, quanto i lavoratori autonomi (artigiani e commercianti), molti pensionati del pubblico impiego (ma non tutti), gli operai prepensionati per crisi aziendali, i giornalisti, i dirigenti dell’industria, ecc. Ed è singolare che i sostenitori del sistema contributivo che vorrebbero intervenire sulle pensioni in essere si contraddicano sostenendo che la correzione dovrebbe avvenire solo oltre un certo limite di pensione lorda (2550-3000 euro), riconoscendo che esistono problemi sociali che suggeriscono di non appiattirsi su una logica meramente assicurativa.
 
In sostanza, se esiste un problema di sostenibilità finanziaria bisognerebbe intervenire a 360 gradi con equilibrio, consapevolezza e spirito solidale, al di là delle corrispondenza attuariale tra contributi e prestazioni (sempre che la Costituzione, come essa è stata finora interpretata, lo consenta). Quello che più preoccupa dell’intervento sui vitalizi è proprio la sua palese iniquità. Si interviene su un gruppo ristretto di pensionati, spesso in età avanzata e privi di altre fonti di reddito, su una categoria fortemente impopolare per le contingenze del dibattito politico, priva di difese e sostegno, mentre si ignorano tutte le altre situazioni equiparabili. Questo è un vulnus difficilmente accettabile che si esprime in una discriminazione violenta e gratuita nei confronti di una sola categoria di cittadini e che non dovrebbe essere accettabile in un Paese che si ritiene democratico.
TAG: vitalizi
Altre sull'argomento
Altro parere
Altro parere
Saldi parlamentari di fine stagione
La sanzioni (limitate) per Kim
La sanzioni (limitate) per Kim
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Vitalizi, dal diritto al privilegio
Vitalizi, dal diritto al privilegio
La Camera approva l'abolizione con poco entusiasmo
I muri della sinistra
I muri della sinistra
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.