Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

La "sede vacante" dell'ambasciata Usa

In due anni Biden non ha trovato il tempo per nominare il nuovo ambasciatore a Roma

L'Irriverente 24/01/2023

La bandiera degli Stati Uniti La bandiera degli Stati Uniti Chissà se fra le carte riservate che il Presidente Biden ha tenuto nelle sue proprietà si potrà trovare la risposta a uno dei misteri della sua presidenza: perché, a due anni dal suo insediamento alla Casa Bianca non ha ancora trovato il tempo per nominare il suo ambasciatore a Roma? La sede romana dell'ambasciata americana di via Veneto è vuota dopo la partenza di Lewis Eisemberg nel gennaio 2021 e da allora sono stati nominati successivamente due incaricati d'affari col compito di svolgere il ruolo di ambasciatore, in attesa della nomina di un ambasciatore vero e proprio, come sempre è stato fin dal 1945.
 
Si era detto che quel posto lo avrebbe forse assunto la ex speaker del Parlamento Nancy Pelosi, che però ha negato di essere interessata a venire a Roma, e forse è un bene, dopo quello che ha combinato con una semplice visita a Taiwan. Quale che sia la ragione, non è un bel segno di considerazione per il nostro paese non riuscire (o non volere) nominare un ambasciatore in oltre 600 giorni.
Altre sull'argomento
La scelta definitiva di Kiev
La scelta definitiva di Kiev
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
L'Italia alla sfida dello “Einstein Telescope”
L'Italia alla sfida dello “Einstein Telescope”
Nel quadro della nuova politica europea della ricerca
Altro parere
Altro parere
Troppi vivono il trasferimento al Nord come una deportazione
Il ritorno (dannoso) dei muri
Il ritorno (dannoso) dei muri
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.