Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Se la Cina rallenta e invecchia

Nel 2022 crescita ridotta al 3% e primo segno negativo nel numero di abitanti

Fabrizio Galimberti 18/01/2023

Se la Cina rallenta e invecchia  Se la Cina rallenta e invecchia La Cina, come il Giappone degli anni Sessanta, era fino a poco tempo fa il Paese dei primati. Lo è ancora, ma in negativo. Due numeri sono stati appena rilasciati: a) il tasso di crescita dell’economia nel 2022 viene stimato al 3%, il più basso da quasi mezzo secolo, se non consideriamo l’annus horribilis del Covid 2020; b) il primo segno negativo nel numero degli abitanti. Era da quasi due terzi di secolo che la popolazione in Cina non registrava una diminuzione: l’ultima volta fu alla fine degli anni Cinquanta, ai tempi della Grande carestia causata dall’insano Grande balzo in avanti di Mao. Dei due numeri, quello più preoccupante è il secondo. Per il Pil, è vero che nel 2022 la Cina ha smesso di fare la locomotiva (la Banca mondiale dà la crescita mondiale 2022 allo stesso ritmo, il 2,9%), ma è anche vero che quel ruolo di trascinamento la Cina dovrebbe riprenderlo quest’anno, col mondo che rallenta e l’Impero celeste che accelera.
 
Il dato demografico, invece, non promette bene. La demografia non perdona, e decenni di politica del ‘figlio unico’ (avviata nel 1980 e abolita nel 2015) non potevano che portare a un rallentamento della crescita demografica: rallentamento che si è trasformato in riduzione nell’anno passato, e che è esacerbato da due altri fattori, uno temporaneo (morti da Covid) e uno permanente (i cinesi, come in altri Paesi, fanno figli più tardi, e le donne si preoccupano di più della carriera, mentre gli asili-nido non sono diffusi come in Occidente). Una popolazione che rallenta o si riduce è, quasi per definizione, una popolazione che invecchia. Il tasso di dipendenza (anziani in percentuale sulla popolazione in età di lavoro) sta crescendo. Il contratto implicito nella società cinese – il governo promette redditi crescenti in cambio di limitazioni alle libertà civili – si sta sfrangiando. I cinesi hanno scoperto che le proteste funzionano (vedi le manifestazioni che hanno portato all’abbandono del Covid-zero) e niente sarà più come prima.
Altre sull'argomento
Le diseguaglianze non aumentano
Le diseguaglianze non aumentano
Ma in un paese fermo da quasi trent'anni diventano insopportabili
Il grande gioco africano
Il grande gioco africano
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Eurogruppo e moneta digitale
Eurogruppo e moneta digitale
Molte banche centrali stanno studiando il tema
L'
L'"America First" di Biden
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.