Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

L'Europarlamento e la Russia “terrorista”

La condanna di Mosca non facilita il dialogo e la ricerca di una soluzione al conflitto

Rocco Cangelosi 25/11/2022

L'Europarlamento e la Russia “terrorista” L'Europarlamento e la Russia “terrorista” Definendo la Federazione Russa “Stato sponsor del terrorismo” con 494 voti favorevoli, 58 contrari e 44 astenuti,il Parlamento europeo apre la strada a un complesso dibattito sulla natura del terrorismo e sulle varie forme in cui si declina. Molteplici interrogativi in effetti si pongono, poiché se è  giusto stigmatizzare la Russia quando fa cadere centinaia di bombe sui civili o tortura i prigionieri, altrettanto  non si può dire quando subisce gli attentati del terrorismo ceceno o quando combatte  contro il jihadismo islamico. E ancora, può la Russia   essere considerata alla stregua dell'Afghanistan  o per  certi versi del Pakistan  o della  Somalia o di altri Paesi uno Stato rifugio per i terroristi? Ma c'è di più. Come definire allora l'uso della bomba atomica sganciata dagli Usa su Hiroshima e Nagasaki? Dal processo di Norimberga in poi  il  problema  delle responsabilità per crimini contro l’umanità  e'  oggetto di acceso dibattito  nella Comunità  internazionale, senza che siano state ancora trovate soluzioni condivise dalla maggior parte dei Paesi. Anche quella della Corte penale internazionale resta una giurisdizione  volontaria che  vale solo per gli Stati che ne hanno ratificato lo statuto.
 
L'iniziativa  del Parlamento  europeo che politicamente ed emotivamente risponde allo sdegno per i crimini perpetrati da parte russa contro la popolazione civile ucraina, non  facilita  il dialogo e la ricerca di una soluzione per mettere fine al conflitto, ma pone il  problema di fondo se sia legittimo aprire un negoziato con uno Stato accusato di sponsorizzare il terrorismo. Basti in effetti considerare la tiepidezza con cui la risoluzione del Parlamento  di Strasburgo è  stata accolta dalla maggior parte della Comunità  internazionale, per comprendere quali e quante perplessità  abbia suscitato.
Altre sull'argomento
Zelensky a Sanremo, non solo canzonette
Zelensky a Sanremo, non solo canzonette
Dall'Ariston il presidente ucraino vuole parlare anche ai russi
La scelta definitiva di Kiev
La scelta definitiva di Kiev
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Carri armati e dovere di informare i cittadini
Carri armati e dovere di informare i cittadini
Sul rischio di escalation del conflitto Ucraina-Russia (e Nato)
Altro parere
Altro parere
Se non ora, quando?
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.