Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Ombre russe sul Baltico

Sospetti sulla Russia per le esplosioni dei gasdotti Nord Stream 1 e 2

Rocco Cangelosi 29/09/2022

La perdita dal gasdotto Nord Stream La perdita dal gasdotto Nord Stream Nelle stesse ore in cui veniva inaugurata la Baltic Pipe, un gasdotto chiave per trasportare il gas dalla Norvegia, attraverso la Danimarca, alla Polonia e ai Paesi limitrofi, venivano registrate alcune esplosioni sottomarine nel Mar Baltico che danneggiavano i gasdotti Nordstream 1 e 2, il primo ancora bloccato per manutenzione, il secondo mai entrato in funzione, che trasportano il gas siberiano verso l'Europa. L'episodio ha suscitato grande agitazione nelle cancellerie preoccupate di individuare le cause o gli autori delle esplosioni e le finalità di un eventuale sabotaggio. Il primo pensiero è corso evidentemente alla Russia che con la minaccia del "terrorismo energetico" intenderebbe boicottare nuovi progetti alternativi al metano russo.
 
Mosca esclude proprie responsabilità, ma i Paesi direttamente interessati, a cominciare dalla Danimarca, hanno incaricato una commissione d'inchiesta di verificare le cause delle esplosioni e dell'eventuale sabotaggio. Ove si accertasse che, come è probabile, siamo di fronte ad atti deliberati da parte russa, ciò significherebbe una chiara escalation nel conflitto ucraino, che vedrebbe la Russia estendere le sue operazioni militari al di là dei confini ucraini. Il Cremlino vuole probabilmente dare un ulteriore segnale della sua determinazione a utilizzare a fondo il ricatto energetico, nella convinzione di poter indurre Nato e Ue a ridurre il sostegno politico e militare a favore del governo di Kiev. Significativo peraltro che tutto ciò avviene mentre si proclamano i risultati del referendum farsa in Donbass, che secondo Mosca sancisce l'annessione alla Russia di quei territori.
Altre sull'argomento
Una nuova Norimberga per Putin?
Una nuova Norimberga per Putin?
Per ora scarse adesioni alla proposta della Von der Leyen
Elettricità, crolla l'import dalla Francia
Elettricità, crolla l'import dalla Francia
Rischio razionamento per i problemi delle centrali nucleari transalpine
I leader e l'arte della pace
I leader e l'arte della pace
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Ucraina, speranze e dubbi sulla Conferenza di Parigi
Ucraina, speranze e dubbi sulla Conferenza di Parigi
Si punta a una tregua natalizia ma la strada resta impervia
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.