Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

La trappola dell'orso e il canto dell'usignolo

A sei mesi dall'invasione russa dell'Ucraina

Maria Grazia Enardu 20/09/2022

 La trappola dell'orso e il canto dell'usignolo  La trappola dell'orso e il canto dell'usignolo Sei mesi di guerra e ci sono punti fermi che creano solo instabilità ulteriore. È la guerra di Putin, il disastro di Putin, sarà il collasso di Putin. Si è circondato, nel tempo, di una falange che fa soldi in cambio di ubbidienza, gli hanno raccontato la favola del crollo dell'Ucraina in tre giorni e invece l'Ucraina è resuscitata. Le cause profonde sono nella storia, però Putin voleva forzarla al solo scopo di consolidare il proprio potere personale, che sentiva fragile. Tutti i regimi scricchiolano, prima o poi. La feroce volontà di resistenza degli ucraini ha pesato molto, assieme agli aiuti occidentali, più o meno efficienti, alle sanzioni etc. Diciamo anche che Putin non ha avuto fortuna ma a quel livello di leadership non se ne ha. Ha definito i suoi militari incapaci e traditori ma non li ha fucilati, non può. Di sicuro rimpiange Stalin ma gli ricordiamo che la Grande Guerra Patriottica non è andata come la raccontano in Russia, l'argomento è tabù assoluto. L'uomo che ha assistito esterrefatto al crollo del muro di Berlino nel 1989, dell'Urss nel dicembre 1991 e che ha appena seppellito l'odiato Gorbachev è divenuto la causa ultima del disfacimento della Russia, in tempi e modi che purtroppo vedremo. Golpe, infarto, improbabili fughe, patetico pensionamento? L'orso russo si è messo in trappola e va tirato fuori. Nessuno, dentro e fuori la Russia, può pensare senza perdere la ragione all'ipotesi estrema e quindi possibile: la balcanizzazione di 9 fusi orari, nucleari. Più tutti i paesi intorno. Putin è finito ma in Russia non ci sono istituzioni per il passaggio del potere, lo ha chi lo prende, e non sarà più unico.
 
Zelensky ha fatto di recente un breve e chiaro discorso, ai russi: pensate ancora che siamo una sola nazione? Pensate che sceglieremmo voi al posto di guerra, fame, distruzione? Mai e poi mai. Ora, l'esercito russo, anzi quel che ne rimane nonostante abbiano aperto le galere, è in rotta, gli ucraini rischiano di invadere pezzi di Russia. Putin non vuole cedere, non può, spera nell'inverno (!), nell'errore di qualcuno, e se le colombe russe sono ammutolite o in fuga, ora teme i falchi, che lo accusano di aver fatto male la guerra. Per ineffabile ironia, se l'orso è l'animale simbolo della Russia, l'usignolo è ucraino. Tutto il contrario degli altri simboli nazionali, grossi predatori di terra o aquile furibonde. L'usignolo è capace di un canto complesso, è la "voce degli dei", rappresenta la casa, la primavera, la rinascita. Non pare certo bellicoso ma sta facendo impazzire l'orso Putin. Vanno separati, presto e pure con barriere acustiche.
 
Altre sull'argomento
Gas, l'inverno non Ŕ al sicuro
Gas, l'inverno non Ŕ al sicuro
Nonostante le rassicurazioni del ministro Cingolani
Altro parere
Altro parere
Chi vuole rappresentare davvero questo Pd?
Ragioni e torti di Berlino
Ragioni e torti di Berlino
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Gli incubi da scacciare
Gli incubi da scacciare
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.