Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Nel segno di Carlo III

Reinventare tutto per cambiare il meno possibile

Maria Grazia Enardu 13/09/2022

Nel segno di Carlo III Nel segno di Carlo III Giorni incredibili, ed Elisabetta è riuscita in un capolavoro: dare l'incarico a Truss con un sorriso e scivolar via in silenzio 48 ore dopo. Niente reggenze, niente discorsi letti dall'erede con corona di mamma sullo sgabello. Carlo è nato ed invecchiato erede, è diventato re un minuto dopo la morte di Elisabetta, è stato proclamato più volte, acclamato, inneggiato (God save the King), in primavera sarà incoronato. I media si occupano di cerimonie e di Windsor in litigioso lutto, tralasciando le misure straordinarie del governo Truss. Quando saranno note, comincerà il regno, per davvero. Carlo durerà parecchi anni, sta benissimo e vuole che anche suo figlio impari a invecchiare. Del Regno non sappiamo. I repubblicani locali sono pochi e di poca fede ma la geografia politica ne accresce il ruolo. In Scozia non sono monarchici, per certe vecchie storie e perché vogliono la Ue. In teoria potrebbero uscire dal Regno Unito e rimanere monarchia (Kingdom of Scots?) tenendosi Carlo, si chiama unione personale ed è la spina dorsale del Commonwealth. Pure in Ulster vogliono la Ue, come area di libero scambio, e il governo di livida coabitazione tra unionisti e repubblicani è in stallo da anni; inoltre, se Truss attacca briga con la Ue, la Casa Bianca la fulmina. Ma su tutto c'è il Commonwealth.
 
L'incoronazione di Carlo richiede mesi anche per capire chi viene (tutti, salvo ultras dichiarati) e cosa vuole. L'Australia e la Nuova Zelanda hanno mormorato che stavano dentro per rispetto a Elisabetta, Trudeau è cresciuto a pane e politica e sta molto zitto, e per loro Carlo è pure re. Ma gli africani? e i vari pezzi della vecchia India? faranno un bilancio, ovvio. Ma il girone più disperante del Regno è l'establishment, la ruling class, quella cosa lì, che nella versione Truss mostra i tanti colori del Regno ma che tende al blu Tory, con curiose striature rosa Labour. Amicizie, club, scuole, dopo 12 anni di miasmi Tory le finestre andrebbero spalancate di botto. Non è problema del re, direte, ma invece sì perché in cima alla piramide ci stanno loro, i Windsor. Che sono tanti, cioè troppi, e affezionali al loro status, protetto dalla ruling class che si sente protetta dalla monarchia, è un circuito chiuso. Carlo da tempo dichiara che taglierà, un fratello impresentabile e un figlio ingestibile sono ottimi stimoli. Ma non inciderà più di tanto, non può. Sarà un magnifico funerale, e poi sarà il resto.
Altre sull'argomento
I funerali monstre della Regina
I funerali monstre della Regina
Un impasto di passato e futuro nelle esequie di Elisabetta seconda
Agenda della settimana
Agenda della settimana
L'Italia si prepara al voto di domenica
La Regina ôdi famigliaö
La Regina ôdi famigliaö
Riflessioni su Elisabetta II di cui si celebrano i funerali
L'ultima foto di Elisabetta Regina
L'ultima foto di Elisabetta Regina
Settant'anni di regno e un congedo discreto
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.