Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Usa, la lunga estate calda del '22

Inchieste, rivincite, rivali

Maria Grazia Enardu 25/07/2022

Donald Trump Donald Trump Il primo girone finirà la sera di martedì 8 novembre, con le elezioni del Congresso, subito dopo si riparte per l'estate del '24. Le elezioni presidenziali di una volta erano quasi sagre di provincia ma dal 2000 è cambiato tutto, con l'elezione persa (in Florida) ma assegnata a Bush Jr. Poi la bomba Obama, la botta di Trump e, nel 2020 anzi 2021, la resa dei conti: Trump ha negato la sconfitta e preteso che il suo vice Pence, minacciato dalle orde al Congresso, ribaltasse il risultato. Lo abbiamo visto. Ora si intorcinano fattori non quantificabili come l'inchiesta della Camera sulla rivolta del 6 gennaio, presieduta dalla Liz Cheney (Rep) in una commissione boicottata da molti Rep. Compito della ribelle Liz non è indagare e poi raccomandare ma convocare, mettere a verbale sotto giuramento, dare materiale ad altri. Cioè ad altre inchieste (tentativo di frode elettorale in Georgia) ma anche indagini di procuratori distrettuali.
 
Trump è sotto vaglio per vari filoni, tasse comprese, ma finora nessun vero capo di imputazione. Hanno bisogno di una pallottola d'argento, non basta che luccichi. Per l'inchiesta sul 6 gennaio, la sedizione non sarà usata, difficile da provare e questo dice tutto. Semmai ostruzione, per aver cercato di forzare Pence a sospendere la certificazione delle elezioni, cioè della vittoria di Biden. Pence, a rischio della vita, rifiutò, quindi l'ostruzione tecnicamente non c'è stata. E quando Cheney e soci concluderanno, sarà Garland, ministro della Giustizia, a decidere se procedere - decisione terribile comunque. Trump intanto annusa l'aria, straparla, mira alla rivincita ma non è scontato. Vive in Florida, dove il rampante governatore DeSantis (Rep) è la sua perfetta nemesi, lo loda per seppellirlo, vuole la Casa Bianca ora e non nel 2028.
 
Trump infatti comincia a stufare non pochi Rep, moderati e timorosi che con Trump si fallisca. Questo novembre molti politici ed elettori Rep possono decidere che Trump è un perdente, li costringe a umilianti e stupide mosse, è un monarca spodestato e dannoso. Servono forze fresche, un voto dinamico, di giovani, minoranze, cioè i prossimi elettori, non solo della Casa Bianca ma nei 50 Stati. I Rep, come i Dem, puntano a tutto, Trump no. Intanto Steve Bannon, discusso consigliere di Trump, è stato condannato da un tribunale per oltraggio: ha rifiutato di testimoniare al Congresso perché le sue conversazioni con Trump erano protette dal "privilegio esecutivo". Ma era stato licenziato mesi prima, quindi non vale. Nell'imbroglio si imbrogliano tutti, e i Rep cercano una via di fuga, da Donald.
TAG: usatrump
Altre sull'argomento
L'agenda Draghi per il dopo Draghi
L'agenda Draghi per il dopo Draghi
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Salvini, il Viminale e il bivio populisti
Salvini, il Viminale e il bivio populisti
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Il bivio senza uscita della giustizia Usa
Il bivio senza uscita della giustizia Usa
Procedere o no contro Trump per l'assalto al Congresso?
La Fed aumenta i tassi e la Borsa Usa cresce
La Fed aumenta i tassi e la Borsa Usa cresce
Come spiegare l'apparente contraddizione
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.