Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

E Samantha passeggia nello spazio

La prima donna europea impegnata in attivitÓ extraveicolari

Giancarlo Santalmassi 21/07/2022

 E Samantha passeggia nello spazio  E Samantha passeggia nello spazio Alti e bassi delle donne italiane. La nazionale italiana femminile di calcio ha perso due partite e come gli azzurri di Mancini non non parteciperanno ai mondiali, non andranno agli europei (con la Francia, hanno perso con un  ignominioso 5-1 e col Belgio per 1-0). Ma le ragazze della pallavolo sono diventate campionesse del mondo, battendo la loro bestia nera, il Brasile. Per di più, con una squadra multietnica. Infatti la campionessa più forte (ma lo è tutta la squadra) è Paola Egonu. È nata in italia a Cittadella, con una pelle ebano, da genitori di nazionalità nigeriana. Il padre Ambrose, prima di emigrare in Italia, faceva il camionista a Lagos, mentre la madre Eunice era infermiera a Benin City. Paola è capace di sberle da 200 km l’ora e di ‘muri’ insuperabili. Ha una fidanzata polacca.
 
Ma la donna che soprattutto oggi è un orgoglio nazionale è Samantha Cristoforetti. È un’astronauta (col colorito soprannome di Astrosamantha). È dell’ESA, Agenzia Spaziale Europea, impegnata con la missione Minerva che si impegnerà in EVA, attività extraveicolare, cioè sarà la prima europea a passeggiare nello spazio. Ma non basta; ci andrà in compagnia di un russo (che in questo periodo per le armi all’Ucraina non ci adorano), Oleg Artemyev. E per distinguere le due tute Orlan, russo sarà riconoscibile per le strisce rosse mentre Samantha indosserà strisce blu. Ad ESTEC, il cuore tecnico dell'ESA nei Paesi Bassi, (la NASA europea) gli ingegneri seguiranno attentamente la passeggiata di Samantha e Oleg. Sarà possibile seguire la passeggiata spaziale, che può durare fino a sette ore, sulla Web Tv dell'Esa a partire delle 15.30.
 
La passeggiata spaziale, chiamata anche attività extraveicolare (EVA), vedrà Samantha e Oleg impegnati su una serie di attività, inclusa l'installazione di piattaforme e dell'adattatore della workstation montata sul modulo laboratorio Nauka. I due astronauti schiereranno dieci nano satelliti progettati per raccogliere dati radio-elettronici, e posizioneranno un braccio telescopico da Zarya a Poisk per fornire supporto alle future passeggiate spaziali. Questa sarà la terza passeggiata spaziale in cui sono previste attività mirate alla messa a punto dell'European Robotic Arm per le sue prime operazioni sul modulo Nauka.
 
Gli astronauti sposteranno il suo pannello di controllo esterno, lavoreranno sull'isolamento e installeranno un adattatore temporaneo per il braccio robotico. AstroSamantha controllerà che la protezione dell'unità della telecamera del braccio sia sufficientemente nitida da consentire a un laser di guidare il braccio nelle operazioni di presa e spostamento. L'European Robotic Arm porta nuove modalità di funzionamento delle macchine automatizzate nel sistema orbitale. Sarà in grado di svolgere molte attività in modo automatico o semiautomatico, potrà essere guidato sia dall'interno che dall'esterno della Stazione e sarà possibile controllarlo direttamente oppure programmarlo in anticipo.
Altre sull'argomento
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.