Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Processo Regeni, summum ius summa iniura

Processo Regeni, summum ius summa iniura

Rocco Cangelosi 18/10/2021

Processo Regeni, summum ius summa iniura Processo Regeni, summum ius summa iniura È vero che uno Stato di diritto non deve venire meno al rispetto delle norme per non creare precedenti o dare segnali equivoci sulle procedure di legge. Ma non sfugge a nessuno che abbiamo a che fare con un regime tracotante che a partire dal presidente Al Sisi fa muro intorno agli aguzzini di Giulio Regeni, facendosi beffe della giustizia e del Governo italiano e che non esita a utilizzare il palcoscenico offertogli dal sovranista Viktor Orban per diffidare chiunque osi inserirsi negli affari interni dell'Egitto in nome del rispetto dei diritti umani. Dopo la clamorosa dichiarazione della Corte di Assise di Roma sulla non procedibilità del processo per la mancata notifica agli interessati delle imputazioni a loro carico, il Governo italiano si trova nuovamente in una situazione estremamente imbarazzante. Continuare a far finta di nulla di fronte all'arrogante diniego delle autorità egiziane di fornire gli indirizzi degli imputati, nonostante le numerosissime rogatorie, note verbali, passi diplomatici, mette a grave repentaglio la credibilità dell'Italia nel Mediterraneo e in Europa. La costituzione come parte civile della Presidenza del Consiglio rappresenta certamente un gesto significativo nei confronti dell'Egitto. Ma come abbiamo visto non basta.
 
Il Governo deve dare un forte segnale politico, senza esitazioni e a prescindere dagli interessi economici e migratori italiani con l'Egitto. Restare inerti e tacere per semplici calcoli mercantilistici sarebbe un atteggiamento codardo e un segnale della debolezza dello Stato nella difesa dei propri cittadini operanti all'estero. Dovremo ovviamente coordinare le nostre reazioni in sede europea e nelle istituzioni internazionali, dove la risposta alle nostre istanze è stata finora deludente anche per un'azione diplomatica insufficiente, ma intanto spetta a noi fare la prima mossa.
 
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.