Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Se ne sono andati pure i soldi

Il governo dei talebani cerca entrate

Maria Grazia Enardu 08/10/2021

 Se ne sono andati pure i soldi Se ne sono andati pure i soldi Gli occidentali portavano in Afganistan fiumi di dollari, sovvenzioni militari e no, progetti, indotto sparso che alimentavano la leggendaria corruzione ma poi per mille rivoli qualcosa arrivava a quasi tutti. C'erano gli aiuti di ogni tipo, per istruzione e sanità etc, e pure traffici e produzioni locali, oppio compreso. I governi di Kabul, sostenuti da forze Onu dopo il 2001, erano la macchina di distribuzione, e intorno c'era il resto. La storia finanziaria dell'Afganistan dalla caduta della monarchia (1973) o dell'invasione sovietica (1979) deve essere suggestiva. Nella lista dei benefattori di varie cause quasi tutti i paesi ricchi del Golfo e occidentali assortiti, chissà i cinesi (certo in modo mirato), ma il libro contabile più chiuso è quello del Pakistan. Aiuti provenienti da fuori (paesi mussulmani, Usa) girati poi dai mitici servizi segreti di Karachi per accrescere la propria influenza, giocare due lati e più della stessa partita. Il Pakistan combatte i propri talebani ma aiuta quelli afgani, anzi tra le molte tragedie afgane la più disperante è avere accanto il Pakistan, che trama contro l'odiata India. Chissà se favorirà l'amica Cina o se preferirà la prudenza.
 
Sono passate poche settimane dalla fulminea presa di potere dei talebani, si sa poco salvo quel che ci si aspettava, donne rinchiuse, ladri a rischio mani, bombe dell'Isis locale. E non sanno amministrare, galleggiano sui problemi vecchi e nuovi, in un paese del quarto mondo dove però abbondano i cellulari, la dannazione di ogni governo autoritario. Sono 32 milioni di abitanti, comprese le moltitudini fuggite oltreconfine: appesi al nulla, per tutti sta arrivando l'inverno di montagna. Il governo, di ministri sconosciuti o quasi, non ha idea di come affrontare la quotidiana emergenza, può trascinarsi o implodere. Occidentali e orientali aspettano, valutano: è un altro stato fallito, qualcuno raccoglierà i ricchi pezzi, e pure a sconto. Alla base aerea Usa di Bagram intanto hanno riattaccato la luce, sono atterrati i cinesi. Era ora.
Altre sull'argomento
Lo scontro Ue-Polonia richiede fermezza
Lo scontro Ue-Polonia richiede fermezza
A cominciare da ritorsioni economiche, ma Varsavia non lascerà l'Unione
Altro parere
Altro parere
L'infarto del buonsenso
Le strade possibili per Kabul
Le strade possibili per Kabul
Sintesi degli editoriali dei principali giornali
Alta tensione su Taiwan dopo l'accordo Aukus
Alta tensione su Taiwan dopo l'accordo Aukus
La Cina non vuole interferenze in una questione che ritiene “interna”; ...
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.