Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Il David “evirato” all'Expo di Dubai

Inaugurata la prima Esposizione universale in un Paese arabo

L'Irriverente 08/10/2021

 Il David “evirato” all'Expo di Dubai Il David “evirato” all'Expo di Dubai Si è aperta con grandi aspettative l’Expo di Dubai, la prima esposizione universale in un Paese arabo. Il nostro padiglione è al centro dell’attenzione: ha già vinto un premio per la migliore creatività ed è già tra i più visitati. L’attrazione maggiore eèla riproduzione del David di Michelangelo a grandezza naturale realizzata con stampante laser. Ma, sorpresa, il povero David è inscatolato in una specie di teca che non consente di ammirarlo nella sua maestosità. Si può guardarlo dal petto in su, oppure dalle cosce in giù. Non se ne possono dunque scrutare le parti intime, peraltro, diciamo, “a riposo”. Questo singolare allestimento, che avrebbe fatto infuriare il fumantino Michelangelo, è stato reso necessario per il pudore sociale imposto dalla religione e dalla cultura islamica, anche in Paesi “laici” come Dubai e gli Emirati, dove ci sono persino donne ministro. La stessa cosa avvenne a Firenze quando per la visita di un capo di stato arabo furono “schermate” con dei pannelli le nudità delle statue di Palazzo Vecchio. Poco male, si dirà: se, come si prevede, l’Expo Dubai darà una spinta da un paio di miliardi al nostro export, il sacrificio del David “evirato” sarà stato ripagato.
 
Ma in questa vicenda c’è una gigantesca contraddizione culturale: storicamente, le Esposizioni universali sono state il trionfo della ragione, della scienza, della tecnologia e dell’umanesimo, che affondano le radici nel Rinascimento, di cui la riscoperta del corpo umano, dalla Venere di Botticelli all’Uomo Vitruviano di Leonardo, è stato un elemento essenziale. Speriamo lo comprendano anche gli emiri arabi e chiedano agli organizzatori del nostro padiglione di “liberare“ il David.
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.