Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

La tela di seta

La Cina si muove in Medio oriente

Maria Grazia Enardu 06/04/2021

La tela di seta La tela di seta Biden è stato chiaro: la Cina intende divenire il paese più potente del mondo e gli Usa vogliono impedirlo. Lui conosce bene e da tempo il presidente Xi, e crede che questo sia uno scontro decisivo tra le democrazie e le autocrazie. È un confronto globale che ora entra in una nuova fase nell'area più esplosiva, il Medio oriente, particolarmente scosso dal tornado Trump. Le mosse della Cina sono spregiudicate come può fare solo una potenza, anzi una superpotenza, che non ha mai avuto legami con la regione, non ha peccati coloniali e si comporta con razionalità, la sua, che ai nostri occhi equivale quasi a spregiudicatezza. La Cina importa dal Medio oriente circa metà del petrolio e da Suez passano migliaia di navi con merci cinesi, è lo snodo sempre primario della Belt and Road Initiative. Ora cerca un ruolo adeguato e avrà ben studiato il manuale degli errori altrui, inglesi, francesi, americani, sovietici e non solo. Cercherà di commetterne di nuovi, semmai.
 
Così il ministro degli Esteri Wang Yi si è appena fatto un giro in Arabia, Turchia, Iran, Emirati, Bahrein, Qatar, Oman. Ha telefonato a Iraq e Giordania. Ecumenico: arabi e no, sciiti e sunniti. Nessuna presa di posizione nei vari e sovrapposti conflitti locali, salvo una generica riprovazione per il ruolo occidentale e cordialità varie. Di interesse, ma vanno visti bene contenuto e contesto, l'intesa con l'Iran, di 25 anni, futuro remoto. Cina e Iran vantano un passato di orgogliosi imperi, di sicuro oggi vogliono almeno irritare gli Usa, anche se scopo finale di Teheran è un accomodamento che non sembri tale. Dopo una prima visita nel 2018, Xi tornerà presto in una regione dove ha fatto colossali investimenti, l'occasione è importante, farà altre mosse. Nel frattempo Biden studierà bene la turbolenta scacchiera.
Altre sull'argomento
 L'attacco di Draghi a Erdogan, chiarezza e realpolitik
L'attacco di Draghi a Erdogan, chiarezza e realpolitik
Non Ŕ stata una gaffe, ma il tentativo di riequilibrare la politica ...
Le tasse della Yellen
Le tasse della Yellen
L'amministrazione Biden favorevole alle proposte Ocse sulla tassazione ...
Lo spauracchio della Cina
Lo spauracchio della Cina
E' rischioso sostenere una presunta (e falsa) superioritÓ dei sistemi ...
L'equipaggio di Biden quasi al completo
L'equipaggio di Biden quasi al completo
Il Senato Usa approva le nomine, comprese la prima nativa e la prima ...
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.