Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Lo spionaggio incrina i rapporti Ue-Russia

L'arresto del nostro ufficiale di Marina e l'espulsione dei due diplomatici russi

Rocco Cangelosi 01/04/2021

Lo spionaggio incrina i rapporti Ue-Russia Lo spionaggio incrina i rapporti Ue-Russia Se non fosse una cosa seria, sembrerebbe il trailer di un nuovo film di James Bond. Un capitano di fregata che si fa comprare per poche migliaia di euro dagli agenti segreti russi, innescando una crisi diplomatica tra Roma e Mosca. L’espulsione di due funzionari russi coinvolti nello scambio di informazioni, giustamente decretata da Di Maio, provocherà inevitabilmente un provvedimento simmetrico di ritorsione da parte russa con conseguente irrigidimento dei rapporti tra i due Paesi. Un atto di spionaggio fuori dal tempo che ci rimanda al celebre Ponte delle spie e che lascia perplessi per l'utilizzo di metodi desueti utilizzati per carpire segreti militari nell'epoca delle tecnologie di punta, dei satelliti spia, dei droni e dei sistemi di ascolto di cui il KGB è maestro.
 
Ma quello che più sorprende è la serie di incidenti di questo genere in cui i russi maldestramente incappano da qualche tempo a questa parte. Talmente plateali sono gli errori commessi dai servizi di Putin che viene spontaneo domandarsi se si tratti di incapacità o di atteggiamenti volutamente provocatori. Fatto sta che si tratta di azioni destabilizzanti che vanno dalle uccisioni mirate al polonio, all'avvelenamento degli oppositori, alle interferenze nei processi elettorali dei Paesi occidentali, che inevitabilmente rendono ancora più tese le relazioni tra Mosca e le capitali europee, già gravemente compromessi dopo il caso Navalny. E non si può non rilevare che per coincidenza o ironia della sorte, questo atto di spionaggio a danno di un Paese Ue e membro della Nato si sia consumato nel bel mezzo del tentativo di Merkel e Macron di riallacciare i rapporti con Putin a partire dalla collaborazione per la produzione del vaccino Sputnik nell’Ue. Un incontro in remoto fra i tre leader al quale stranamente l’Italia non era stata invitata.
 
 
Altre sull'argomento
Le incertezze della campagna vaccinale
Le incertezze della campagna vaccinale
ů candidiamoci per l'Authority europea
 L'attacco di Draghi a Erdogan, chiarezza e realpolitik
L'attacco di Draghi a Erdogan, chiarezza e realpolitik
Non Ŕ stata una gaffe, ma il tentativo di riequilibrare la politica ...
Altro parere
Altro parere
Calma e vaccinatevi: la via inglese con Astrazeneca
Due schiaffi al sultano
Due schiaffi al sultano
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.