Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Biden alla Ue rilancia la cooperazione euro-atlantica

Ma i Paesi europei non possono trascurare i propri interessi economici verso Russia e Cina

Rocco Cangelosi 26/03/2021

Biden alla Ue rilancia la cooperazione euro-atlantica Biden alla Ue rilancia la cooperazione euro-atlantica L'incontro del Presidente degli Stati  Uniti Joe Biden con i leader del Consiglio europeo  riunito in modalità  remota riveste indubbiamente  un carattere di eccezionalità e segna la tanto auspicata inversione  di tendenza rispetto all’Amministrazione Trump.
Biden scommette sul rilancio delle relazioni euro-atlantiche facendo perno sulla difesa comune dei valori fondamentali e sulla rinnovata solidarietà a partire da una stretta collaborazione per la produzione dei vaccini  nella lotta contro il Covid 19 e tutte le future pandemie. Biden ha tuttavia deluso le aspettative europee circa l'invio immediato di dosi di vaccini. Infatti solo il surplus rispetto alle necessità  americane potrà  essere  messo a disposizione della UE nei prossimi mesi. La ritrovata sintonia su alcuni temi fondamentali come i cambiamenti  climatici, la difesa del multilateralismo, la condanna delle violazioni  dei diritti umani, postula nell'ottica americana la necessità  di un atteggiamento europeo più  assertivo e meno conciliante nei confronti di Russia e Cina  considerate pericolosi  rivali non soltanto sul piano economico e militare, ma anche e soprattutto per l'atteggiamento  ideologico  dirompente  contro la democrazia.
In questo contesto, particolare attenzione dovrà  essere dedicata anche all'evoluzione della situazione in Turchia, alleato fondamentale della Nato nello scacchiere caucasico e mediterraneo, ma fonte di preoccupazione per le ultime decisioni assunte in materia di diritti fondamentali e culminate con il recente  ritiro dalla Convenzione di Instanbul contro la violenza sulle donne.
USA e UE devono altresì assicurarsi    un 'autonomia  strategica tale da contrastare Mosca e Pechino, oltre che militarmente,  anche nei settori più  sensibili a partire da intelligenza artificiale, cybersecurity, sicurezza sanitaria. Biden tuttavia per tener conto  delle preoccupazioni  europee per la formazione di un blocco tra Mosca e Pechino, ha sfumato la sua posizione sulla Russia   ritenendo  possibile un miglioramento delle relazioni con Mosca, se  Putin abbandonerà  la sua politica di interferenza nei processi elettorali e democratici in vari Paesi, tra cui l'America. Quanto alla UE, emerge chiaramente  che la via indicata da Biden, pur se condivisibile sugli obbiettivi di fondo, andrà declinata in funzione dei propri interessi economici, che vedono molti Stati europei coinvolti nella via della seta, nella tecnologia Huawei del 5G, nel gasdotto Nord stream 2  e in stretti rapporti e scambi commerciali con le due potenze euro asiatiche. 
Altre sull'argomento
 L'attacco di Draghi a Erdogan, chiarezza e realpolitik
L'attacco di Draghi a Erdogan, chiarezza e realpolitik
Non Ŕ stata una gaffe, ma il tentativo di riequilibrare la politica ...
Il mondo alle 20
Il mondo alle 20
Figliuolo stoppa De Luca: prioritÓ ai fragili, il piano vaccini Ŕ nazionale
Il mondo alle 20
Il mondo alle 20
E' morto il principe Filippo, marito di Elisabetta. Per sua volontÓ ...
Altro parere
Altro parere
Calma e vaccinatevi: la via inglese con Astrazeneca
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.