Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Ue, conflitti d'interesse sulla finanza sostenibile

Per una commessa affidata al fondo BlackRock

Pia Saraceno 30/11/2020

Ue, conflitti d'interesse sulla finanza sostenibile Ue, conflitti d'interesse sulla finanza sostenibile Il Mediatore europeo sanziona la Commissione Ue per non avere tenuto conto dei conflitti d’interesse nell’assegnazione a BlackRock di una commessa, richiesta dal Parlamento Europeo, per lo sviluppo di una metodologia (tassonomia) per valutare e misurare i rischi ambientali ai quali le banche possono essere esposte.  L’evoluzione dei fatti già mostra come la materia sia scivolosa e come la Commissione si stia muovendo non proprio bene sulla materia. Questi i fatti: nell’ottobre 2019 la Commissione ha ricevuto 9 offerte per il bando di gara. Tra questi BlackRock, con $7,4 trilioni di investimenti (di cui 73,4 miliardi investiti nel settore idrocarburi) il più grande fondo d’investimento del mondo e unico fondo ad avere partecipato.  A fine gennaio dopo alcuni chiarimenti BlackRock è stato scelto anche grazie al prezzo molto basso offerto (la metà del valore stimato inizialmente dalla commissione di 550.000 euro).
 
Un gruppo di parlamentari ha chiesto chiarimenti in marzo ma non ha ricevuto risposta dalla Commissione e si è rivolta al Ombudsman Europeo. Il Mediatore europeo non ha rilevato un evidente comportamento di cattiva amministrazione perché la legislazione in proposito è molto vaga. Ha sottolineato però la palese mancanza di attenzione al conflitto d’interesse esistente. Del resto nonostante le dichiarazioni pubbliche del Ceo di BlackRock sulla sua politica per la finanza verde, esistono evidenze della lobbying esercitata dal Fondo sulla Commissione per evitare criteri troppo stringenti nella definizione degli investimenti sostenibili. In conclusione, il contratto resta ma il Mediatore raccomanda di fissare criteri più robusti per la valutazione dei conflitti d’interessi e più attenzione nel valutare i risultati della ricerca. Molti campanelli d’allarme si devono accendere sulla materia, anche considerando che, in seguito all’intervento della presidente della Bce Lagarde sulla necessità di considerare meglio il rischio ambientale nei portafogli delle banche e nel proprio, il presidente della Bundesbank ha sottolineato che tale principio non può essere superato ma che occorre confidare sulla capacità d’influenza delle istituzioni e degli stakeholder perché le agenzie di rating definiscano criteri condivisi per la valutazione dei rischi ambientali .
Altre sull'argomento
Piano ambiente con molte lacune
Piano ambiente con molte lacune
Alla ôrivoluzione verdeö del Recovery Plan (PNRR) destinati 68,9 ...
Le 47 ôscatoleö del PNRR
Le 47 ôscatoleö del PNRR
Due decisioni per evitare erogazioni a pioggia che non raggiungano ...
Altro parere
Altro parere
Verso un'altra globalizzazione
Brexit, uno spiraglio di sole tra le nubi
Brexit, uno spiraglio di sole tra le nubi
Raggiunto l'accordo su un arbitrato obbligatorio per affrontare le ...
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.