Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Il lato mancante del Pentagono

Trump contro i militari

Maria Grazia Enardu 12/11/2020

Donald Trump tiene un discorso alle forze armate Donald Trump tiene un discorso alle forze armate Il governo di Trump è stato una giostra, qualche giro e via, a volte si cascava, spesso molti ministri erano provvisori, in attesa della conferma del Senato, repubblicano ma non gli stava dietro. All'inizio c'erano 4 moltostellati generali, poi spariti, uno anche in galera. Il più importante era James Mattis, marine a 4 stelle, al Pentagono. Ha resistito due anni, merita medaglia ad hoc, ma poi ha capito che era solo un complice. Trump da allora ha macinato nomine, di fedeli. Che però avevano un problema. A differenza del Dipartimento di Stato, che è stato "esodato" compresa una penosa montatura contro l'ambasciatrice in Ucraina, il Pentagono è pieno di militari. Giurano fedeltà alla Costituzione (come tutti gli statali Usa) ma hanno anche un codice d'onore, con regole ed usi bizzarri. Poi, è ovvio, sono esseri umani, però tengono molto alla loro reputazione e hanno anche sanzioni interne.
 
Su questa struttura è piombato Trump, e ha fatto più danni dell'aereo guidato da sauditi che l'11 settembre 2001 demolì gran parte di un lato del Pentagono, 184 morti, centinaia di feriti. Stavolta ad attaccare era il comandante-in-capo, che chiedeva lealtà ad personam, come un papa ai gesuiti (trascuro l'altro esempio). Hanno opposto resistenza come potevano, per anni. Nella scena con la Bibbia davanti la Casa Bianca, c'era in mimetica pure il gen. Milley, il massimo militare del Pentagono, che ha poi smentito se stesso e negato a Trump i soldati per il controllo delle piazze. Ora Trump ha appena licenziato l'ultimo ministro Difesa, Esper, non abbastanza sdraiato, l'ha sostituito con un quasi anonimo Miller ma pure con un viceministro (affari politici) particolare, Anthony Tata (ex generale che definì Obama un terrorista islamico). Il Pentagono è sotto shock, molti alti funzionari si sono dimessi di colpo e saranno sostituiti dagli ultimi pretoriani. I militari ormai sperano solo nel 7° cavalleria, guidato da un certo Joe.
Altre sull'argomento
La battaglia di Atlanta, 5 gennaio 2021
La battaglia di Atlanta, 5 gennaio 2021
La sfida finale per il Senato Usa
L'ipotesi (ignorata) di ridurre le spese inutili
L'ipotesi (ignorata) di ridurre le spese inutili
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Agenda della settimana
Agenda della settimana
Il Parlamento vota il nuovo scostamento di bilancio
La mina Trump e il monito di Kissinger
La mina Trump e il monito di Kissinger
Il rischio di decisioni inconsulte del presidente uscente che ...
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.