Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Nizza, tragedia annunciata

Era prevedibile la recrudescenza del terrorismo di matrice islamista

Riccardo Perissich 29/10/2020

La cattedrale di Notre Dame a Nizza La cattedrale di Notre Dame a Nizza Era purtroppo prevedibile che l'attentato all'insegnante francese di Conflans-Sainte-Honorine non sarebbe rimasto isolato. Ne sapremo di più nei prossimi giorni, ma è fin d'ora possibile trarne qualche indicazione in pillole. 1. Detto e ripetuto, ma vale sempre la pena di ricordarlo: il problema non è l'Islam, ma le sue espressioni radicali e violente. Tuttavia questa constatazione, se lasciata sola, può essere fonte di guai. E' vero che il terrorismo e la violenza non sono specificamente islamici; è di oggi la notizia che la maggior parte degli attentati avvenuti o progettati in America in tempi recenti sono stati opera dell'estrema destra. Tuttavia il compito della politica non è di occuparsi del terrorismo in generale, ma dei pericoli che incombono qui e ora. E' inutile divagare: in Europa e in particolare in Francia il pericolo attuale è costituito dal terrorismo di matrice islamica. 2. In questo attentato non c'è nulla di specificamente anti-cristiano; la guerra di religione non c'entra. L'obiettivo sono i luoghi simboli dell'Occidente: edifici pubblici, luoghi di ritrovo, centri commerciali, giornali, quindi anche chiese e sinagoghe. 3. Le discussioni sui "lupi solitari" non conducono molto lontano. L'intelligence ci dice che c'è un continuum fra atti individuali e attentati organizzati. E' però un fatto che episodi come gli ultimi due sono particolarmente difficili da prevenire e tendono a riprodursi quasi per partenogenesi. E' di oggi anche le notizia di un incidente a Lione.
 
4. Il governo francese si prepara a reagire con estrema durezza; per esempio ha annunciato 200 espulsioni di sospetti radicali e annuncia inasprimenti legislativi. Tutto dovrà restare nella legalità costituzionale, ma la reazione è giustificata. L'opposizione, negando gli appelli all'unità nazionale,commetterebbe un grave errore e aggraverebbe la lacerazione di un paese già provato da Covid e dalla crisi economica. 5. Una responsabilità enorme pesa sulla comunità mussulmana nel suo insieme e sui suoi dirigenti. Finora si sono ovviamente dissociati dal terrorismo, ma con una montagna di distinguo e di ambiguità. Tutto ciò deve finire senza se e senza ma; in palio c'è anche la possibile vittoria di Marine Le Pen alle prossime elezioni. 6. Lo stesso vale per i paesi a maggioranza mussulmana che nei giorni scorsi hanno cavalcato la protesta contro il governo francese. Anche per loro la posta in gioco nei rapporti con la Francia e l'Europa è alta. Stranamente sembra averlo capito il governo turco, che si è affrettato a condannare l'attentato.
Altre sull'argomento
Attacco alle citta' da terrorismo e pandemia
Attacco alle citta' da terrorismo e pandemia
... ma da lý si deve ripartire
Altro parere
Altro parere
Parigi Ŕ sola ma il terrorismo minaccia tutti
Isolare i terroristi dialogando con le comunita' mussulmane
Isolare i terroristi dialogando con le comunita' mussulmane
Macron ci sta provando e Erdogan dovrebbe smettere di soffiare sul fuoco
Altro parere
Altro parere
La trappola dello scontro di civiltÓ
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.