Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Trump, il virus, le elezioni e il 25░ emendamento

Tra Costituzione, ipotesi e scenari imprevedibili

Maria Grazia Enardu 02/10/2020

Trump, il virus, le elezioni  e il 25░ emendamento Trump, il virus, le elezioni e il 25░ emendamento  
Trump e signora positivi al virus, ma senza sintomi per ora, dicono. Contagio forse da portavoce Hope Hicks, hanno viaggiato in elicottero senza mascherina etc. Trump continuerà con i suoi doveri istituzionali, in isolamento, e ci piacerebbe sapere come, ma la campagna elettorale attiva no. Nessuno si augura che si ammali davvero, però il vicepresidente Pence è pronto - se non risulta positivo anche lui, il che aprirebbe scenari mai visti. Cioè subentrerebbe, pro tempore, la bestia nera dei repubblicani, la democratica Speaker della Camera Nancy Pelosi. C'è timore anche per Joe Biden, che 3 giorni fa ha litigato con Trump su un palco piccolo. L'unica cosa sicura è che le elezioni ci saranno, solo il Congresso può rinviarle e non è mai successo, nemmeno in guerra.
 
Molti stanno studiando il 25° emendamento, l'incapacità del presidente, per qualunque ragione anche temporanea, di svolgere il suo ruolo. Con Reagan e Bush senior in ospedale, il vice ha preso il loro posto per brevi periodi. Ma il 25° può scattare anche per "rimozione". Tempo fa, quando le mattane di Trump ancora stupivano, si pensava a porte serrate di dichiararlo manifestamente incapace. Toccherebbe al vice e al governo, con procedura non specifica, invocare il 25°, il che in pratica sarebbe una presa di potere, un colpo di stato o quasi. Ci hanno rinunciato. Ma il 25° aleggia anche in altra fantaipotesi: se Trump perdesse le elezioni e nei 3 mesi di interregno facesse terra bruciata. Il partito repubblicano, in rovina pure lui, potrebbe decidere di salvare il minimo salvabile per future elezioni e mollare Trump dichiarandolo incapace. Pence traghetterebbe tutti verso un approdo minimo,  guadagnerebbe la leadership temporanea del partito e magari la candidatura nel 2024, che poi è quel che vuole. Oggi, un virus volutamente sminuito entra nell'Ufficio Ovale, ed è una sua presa di potere, quasi attesa, vista la iattanza di Trump. Si vota tra un mese, allo spasimo.
Altre sull'argomento
I successi della politica estera di Trump
I successi della politica estera di Trump
Ultimi colpi: l'intesa Israele-Sudan e la tregua in Libia
Scommesse, sondaggi, predizioni, soldi
Scommesse, sondaggi, predizioni, soldi
Informazioni e finanziatori nello scontro fra Trump e Biden
Agenda della settimana
Agenda della settimana
Giovedý 22 ottobre l'ultimo dibattito tra Donald Trump e Joe Biden ...
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.