Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Se il potere Ŕ femmina

Aumentano nel mondo le protagoniste politiche

Giancarlo Santalmassi 22/09/2020

 Se il potere Ŕ femmina Se il potere Ŕ femmina Non so se l’avete notato: ma aumentano le donne leader (Ursula von der Leyen su tutte) e anche le proteste politiche e sociali in cui a essere protagoniste sono loro, le donne. Last (but not least, presumo) il caso della Bielorussia dove l’opposizione al dittatore Alexander Lukashenko è condotta da tre donne: Sviatlana Tsikhanouskaya (costretta a fuggire in Lituania), Veronica Tsepkalo e Maria Kolesnikova. Con loro, si sono schierate altre migliaia di donne che ogni sabato manifestano: vestite di bianco, con in mano fiori, palloncini e cartelli, in preparazione all’adunata delle opposizioni che si svolge ogni domenica, nonostante la brutalità delle cariche della polizia e degli arresti che ha sollevato le vigorose proteste dell’Europa.
 
E il mondo ricorda con commozione la scomparsa, a poche settimane dal voto per la Casa Bianca, della giudice della corte suprema (un cancro a 98 anni) Ruth Bader Ginzburg, più familiarmente nota come RGB, acronimo reso celebre da una biografia con quel titolo e un documentario premiato dall'Oscar. Veterana, liberal della Corte Suprema, nominata da Bill Clinton nel 1993, Bader Ginsburg era considerata un'icona femminista: ed era così popolare da avere il suo volto stampato su borse e t-shirt, mentre i suoi celebri colletti ricamati, indossati sulla toga nera, facevano anche quelli tendenza, mentre ogni sua uscita pubblica era accolta da standing ovation.
 
Il suo testamento è ‘Che io sia sostituita dal nuovo presidente’. Donald Trump , c'è da giurarci, farà di tutto per nominare un ennesimo conservatore prima del 3 novembre, ben cosciente del peso elettorale di una scelta che potrebbe spostare definitivamente a destra quella Corte Suprema attualmente formata da 5 giudici repubblicani su 9: un sesto, è chiaro, potrebbe influenzare le scelte legislative e sociali del paese per le prossime generazioni, anche perché quelle nomine per la Costituzione americana sono a vita. Insomma, parafrasando al contrario quello che disse Andreotti nel 1990: “Il potere logora chi ce l’ha’.
Altre sull'argomento
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Agenda Ursula per il governo
Agenda Ursula per il governo
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.