Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Elezioni Usa come Armageddon

Anche la sostituzione della giudice liberal Ginsburg alla Corte Suprema agita le ultime settimane di campagna elettorale

Maria Grazia Enardu 21/09/2020

Elezioni Usa come Armageddon Elezioni Usa come Armageddon  
È morta Ruth Bader Ginsburg, giudice liberal in una Corte divisa a metà. RBG era molto amata, anche tra i giovani, una stella per i liberal. La sua scomparsa era temuta ed è accaduta proprio sotto elezioni. La Corte è il baricentro degli Usa e il sogno dei repubblicani è di imbottirla di conservatori, giovani e scelti a vita. Il Senato a maggioranza repubblicana aveva reso impossibili le nomine proposte da Obama; Trump e il Senato (53 repubblicani su 100) hanno poi nominato due figure connotate e discusse, Gorsuch e Kavanagh. Senza RBG, comincia la battaglia finale per chi nominerà il prossimo giudice, spostando l'asse.
 
Una battaglia su fronti e tempi diversi. La più chiara, le elezioni presidenziali. Tutti saranno galvanizzati, non solo nello scegliere Trump o Biden, ma nel decidere chi di loro avrà potere di nomina. Repubblicani inorriditi da Trump o giovani dubbiosi su Biden, e tutti i segmenti dell'elettorato, possono ricompattarsi e votare non solo in base a economia, razzismo, covid, ma anche al cruciale posto in Corte. Che diventa manifesto elettorale primario. Trump pare stia per proporre una donna, da far approvare subito al Senato, ma bastano 4 ribelli per fermarlo, ce ne sono già 2 e il confronto interno sarà feroce. Ma se Trump perde la Casa Bianca e pure il Senato (si rinnova di un terzo), i mesi di interregno fino al 20 gennaio 2021 saranno di terra bruciata, per piazzare il loro giudice prima di sparire. E in caso di elezioni contestate, toccherebbe alla Corte decidere: un incubo, peggio del 2000. Infine, se vincono, i democratici saranno furibondi e potranno pensare all'opzione nucleare: allargare la Corte con i "loro" giudici. A novembre quindi un paese spaccato, e con regole elettorali capaci di premiare la minoranza, vota per Casa Bianca, Congresso, molti governatori e pure per la Corte, cioè l'identità e il futuro per almeno un decennio. È Armageddon.
 
Altre sull'argomento
I successi della politica estera di Trump
I successi della politica estera di Trump
Ultimi colpi: l'intesa Israele-Sudan e la tregua in Libia
Scommesse, sondaggi, predizioni, soldi
Scommesse, sondaggi, predizioni, soldi
Informazioni e finanziatori nello scontro fra Trump e Biden
Agenda della settimana
Agenda della settimana
Giovedý 22 ottobre l'ultimo dibattito tra Donald Trump e Joe Biden ...
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.