Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Il buio della Casa Bianca

Trump tra bunker e chiesa invoca l'esercito

Maria Grazia Enardu 03/06/2020

Il buio della Casa Bianca Il buio della Casa Bianca Negli Usa la polizia è molto armata, blindati compresi, e spesso affronta uomini disarmati. Spara volentieri, se fa prigionieri viola le convenzioni di Ginevra perché più che fermare ammazza. Polizie in gran parte bianche contro uomini in gran parte neri. La guerra civile finita nel 1865 è proseguita nei decenni, con episodi singoli, nero sparato perché non si è fermato o non piaceva, e battaglie prolungate e diffuse. Però stavolta è diverso. Non era mai successo che la Casa Bianca scegliesse di aizzare. Pure contro i "deboli" (anzi, "jerk"), i governatori, sindaci, sceriffi che cercano di riportare la pace con parole e gesti. Uno sceriffo bianco del Michigan ha detto alla folla che li capiva e ha marciato con loro. In varie città la polizia ha scelto gesti di pace, con un ginocchio a terra. Ma basta qualche proiettile, di dubbia provenienza sempre, per far precipitare tutto e infatti Trump vuole che la polizia usi solo la forza. Come per farlo arrivare davanti alla "sua" chiesa, per una foto con Bibbia in mano, e il vescovo si è indignato. Ora vuole mandare l'esercito, una guerra civile tutta per sé.
 
Il focus dei disordini è a Washington, intorno alla Casa Bianca. Polizia e servizio segreto l'hanno difesa, senza sparare. È il simbolo del potere - bianco, nonostante Obama - ma anche una Trump House da dove Donald twitta dinamite. Il servizio segreto ha spento le luci, la Casa Bianca è piombata nel buio, e Trump è stato portato nel bunker antiterrorismo. In verità, l'unico modo di riportare la calma è sequestrare il cellulare del Gran Bianco in Capo. Lui pensa davvero che con i voti dei bianchi rimarrà sul trono e purtroppo i disordini possono creare situazioni pericolose per Biden - spaccature tra neri ed ispanici, ad esempio. Trump e i suoi lo sanno e ci provano. Ora può accadere di tutto, pure che i repubblicani rinsaviscano un po’: tra virus e violenza il 2020 è diventato un baratro.
 
Altre sull'argomento
Covid-19 e diseguaglianze
Covid-19 e diseguaglianze
Il nostro sistema sanitario ha retto allo stress test
Piano di riforma senza scelte chiave
Piano di riforma senza scelte chiave
Sembra pi¨ un programma elettorale che un programma di vere riforme
La cascata di regole
La cascata di regole
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Agenda della settimana
Agenda della settimana
Attenzione ai dati marco e incontro Ue sul Recovery fund
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.