Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

La Londra rossa dei blu Tory

Soldi da Mosca, elezioni e Brexit

Maria Grazia Enardu 15/11/2019

Boris Johnson Boris Johnson I russi sono da sempre affascinati dalla Gran Bretagna. L'ordine di Berlino, il fascino di Parigi, belli, ma nulla batte Londra. Una potenza che li ha contrastati per secoli, in ogni settore e regione. Nemici sempre, ma insieme contro l'infida Europa, anche oggi. Per i russi, gli Usa sono la superpotenza ma il grande gioco si fa con Londra. In comune, pure la rimembranza di antiche glorie, lustrando la ruggine e affilando l'intelligence. A Londra ci sono i russi di Putin e quelli contro, oligarchi vincitori del caos e delle rapine post 1991. Anche ex sovietici di perse repubbliche, ma gli uomini di Mosca sfondano. Comprano palazzi e calcio, ci fanno studiare i figli, adorano il sistema giuridico. Sono a modo loro discreti, ma alcune vicende hanno dimostrato che Mosca fa e Londra non ce la fa. Come il tè al polonio servito a Litvinenko nel 2006 e gli avvelenamenti con gas nervino a Salisbury nel 2018. Più vari morti da catalogare meglio.
 
Mosca vuole il Brexit, una Londra debole nella Nato, sminuirne la potenza nucleare. Come? Si briga, si paga, si punta sul blu. In queste elezioni, Mosca non tifa certo per Corbyn, l'ultimo marxista pacifista. Meglio i Tory al governo e in piena cupio dissolvi, con la falange di "spartani" no deal e una Little England sulla Manica. Mosca li considera a ragione boiardi in bombetta, e nessuno è più utile di Boris lo sbruffone, che vuole tenere segreto il rapporto sulle interferenze russe nel referendum 2016 e nelle elezioni 2017. E la lista degli oligarchi che hanno dato contributi ai Tory. Ma sono cittadini britannici, si obietta. In verità, si ricordano pure foto di Theresa May a tavola con signore russe e si chiacchiera di fiumi di soldi, per i Tory e per Farage. In un inverno di cupo scontento, vale tutto. E soprattutto, vuoi mettere la soddisfazione? Mosca vince, Londra perde, e i lemming Tory corrono ciechi.
Altre sull'argomento
I troppi dossier mai chiusi
I troppi dossier mai chiusi
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Brexit, tutto come previsto ...
Brexit, tutto come previsto ...
...sta vincendo Boris e perdendo Davos
Il fascino della catastrofe
Il fascino della catastrofe
L'Europa tra sogni impossibili e incubi irrealistici
Trump canta vittoria per la morte di al-Baghdadi
Trump canta vittoria per la morte di al-Baghdadi
Ma c'Ŕ il rischio che l'operazione turca in Siria possa ricompattare l'Isis
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.