Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Le realta' distorte della Trumpnomics

Gli attacchi del presidente alla Federal Reserve

Fabrizio Galimberti 13/11/2019

Donald Trump Donald Trump E' difficile pensare a un argomento che, toccato da Trump, non abbia avuto la sorte che tocca alle figure umane: vedersi negli specchi deformanti dei Luna Park. Dalla politica estera ai dazi, dall'immigrazione alla politica monetaria, quel che il presidente/mago evoca esce dal cappello con fattezze tali che bisogna stropicciarsi gli occhi per riconoscere i contorni originali. L'esempio più recente sta nelle esternazioni di Trump sulla Federal Reserve. La quale, a suo dire, è il vero nemico del popolo, e, peggio che la Cina, fa di tutto per nuocere all'economia americana.
 
Il mondo occidentale, negli ultimi decenni, ha introdotto, accanto ai tradizionali poteri - legislativo, esecutivo e giudiziario - anche un "potere monetario". Ha affidato la gestione della moneta a organismi indipendenti - le Banche centrali - considerando (giustamente) che per gestire la moneta bisogna avere un orizzonte di lungo termine, diverso dagli orizzonti - legati al ciclo elettorale - di governi che potrebbero voler manovrare la politica monetaria per trarne effimeri vantaggi in vista delle elezioni.
 
Sarebbe troppo lungo contestare punto per punto i pesanti interventi - conditi da attacchi personali a Jerome Powell - con cui Trump contesta la manovra dei tassi della Fed. Ma almeno un punto, il più risibile, bisogna sottolinearlo. Dato che l'economia cresce, la disoccupazione è ai minimi storici e la Borsa macina record, Trump non può dire che le cose vanno male ed è colpa della Fed. Allora il don Chisciotte deluso inventa una nuova linea di attacco: se la Fed avesse abbassato di più i tassi, gli indici di Wall Street sarebbero del 25% più alti...
Altre sull'argomento
Altro parere
Altro parere
Lasciate nuotare in pace le sardine
Trump a Londra tra corone e impeachment
Trump a Londra tra corone e impeachment
Gravi accuse nel rapporto della Camera sull'Ucraina
Vince il profitto nel Paese disuguale
Vince il profitto nel Paese disuguale
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Il fantasma del grande complotto
Il fantasma del grande complotto
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.