Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

La Spagna e la difficile governabilitÓ

Cresce l'estrema destra di Vox e la questione catalana resta irrisolta

Rocco Cangelosi 11/11/2019

La Spagna e la difficile governabilitÓ La Spagna e la difficile governabilitÓ Il segnale che giunge dalla Spagna è inequivocabile. Il vincitore di queste elezioni è l'estrema destra. Vox, il partito guidato da Santiago Abascal finora non rappresentato in Parlamento ottiene 53 seggi e si piazza al terzo posto. E' un segnale preoccupante per le grandi famiglie tradizionali, politiche socialisti e popolari in primis,che assistono impotenti un po' dappertutto in Europa all'ascesa di partiti inneggianti a dottrine nazionaliste identitarie con forti venature nazionaliste, xenofobe e anti immigrazione, come Afd in Germania, il Front National in Francia, la Lega in Italia e così via. Il Psoe di Sanchez resta primo partito, ma esce fortemente ridimensionato, non tanto nel numero dei seggi (solo tre seggi) ma nelle possibilità di formare il governo. La scommessa di andare a elezioni dopo sei mesi per allargare il consenso è stata persa clamorosamente. Sanchez paga per la linea sulla questione catalana, che ha finito per appiattirsi su quella di popolari, Ciudadanos ed estrema destra. Una linea che chiudeva la strada ad ogni ipotesi di dialogo, contrariamente a quanto sostenuto dal partito di sinistra Podemos, con il quale Sanchez avrebbe potuto formare quella alleanza di governo che non ha voluto.
 
Adesso il leader socialista non ha molte alternative. Il crollo di Ciudadanos esclude la possibilità di dar corpo all'alleanza con il partito di Rivera, che peraltro ha rassegnato le dimissioni, mentre una coalizione di sinistra, che sarebbe possibile sulla carta facendo ricorso ai partiti indipendentisti catalani, baschi e della Navarra, non appare perseguibile politicamente. Resta la via di un accordo con i popolari, che potrebbero però chiedere il prezzo della rinuncia di Sanchez a guidare il governo di minoranza col loro appoggio esterno. Questa potrebbe divenire una strada obbligata poiché la remota possibilità di tornare alle urne significherebbe fare un regalo su un piatto di argento a Vox. Sullo sfondo della democrazia spagnola rimane tuttavia lo spettro della questione catalana, un problema non risolto nel quale i due maggiori partiti non hanno finora saputo dare risposte convincenti.
Altre sull'argomento
 Spagna un accordo tardivo e fragile
Spagna un accordo tardivo e fragile
Se avesse fatto l'intesa prima delle elezioni eventuale maggioranza ...
La Spagna vota tra incertezza e stanchezza
La Spagna vota tra incertezza e stanchezza
I socialisti di Sanchez in testa nei sondaggi ma pesa l'incognita Catalogna
Altro parere
Altro parere
L'umore dei popoli
Il cammino stretto di Sanchez nella crisi catalana
Il cammino stretto di Sanchez nella crisi catalana
Il premier socialista tra fermezza e dialogo. E il 10 novembre in ...
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.