Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Dall'Austria duro colpo ai sovranisti

Il trionfo dei popolari di Sebastian Kurz

Rocco Cangelosi 30/09/2019

Dall'Austria duro colpo ai sovranisti Dall'Austria duro colpo ai sovranisti I risultati delle elezioni austriache segnano non soltanto  il declino (forse irreversibile) dell'ultra destra in Austria, ma rappresentano una battuta d'arresto per tutti i sovranisti europei e in particolare Salvini, Le Pen Orban e Kacinsky. Infatti i popolari di Sebastian Kurz stravincono col 38,4%. In seconda posizione si piazzano i socialdemocratici con il 21,5%, mentre l'FPOE  sovranista crolla al 17,3%. Dopo la debacle del 2017 tornano in parlamento i Verdi con il 12,4%, grazie all'effetto Greta, mentre i liberali Neos ottengono il 7,4%.
 
Troppo presto per dire quale sarà la coalizione del nuovo governo, ma certamente non ci sarà la FPOE che dovrà metabolizzare la sonora sconfitta e le scorie dello scandalo di Ibiza sui rapporti coi russi, in cui era incappato il proprio leader Strache.
 
Kurz potrà formare un governo con i verdi, rilanciare una Grosse Koalition con i socialdemocratici oppure orientarsi per una coalizione sostenuta da verdi e liberali, escludendo i due partiti maggiori dopo i popolari. In ogni caso l'Austria sarà più vicina a Bruxelles e sempre piu lontana dal gruppo di Visegrad, per il quale in passato la coalizione nero-blu aveva accarezzato l'idea nostalgica di un'egemonia ispirata ai fasti dell'impero austro-ungarico. La nuova Commissione europea, dopo il cambio di governo in Italia e i risultati austriaci, si presenterà all'inizio di novembre al Parlamento europeo con il vento in poppa e nella congiuntura più favorevole per far ripartire il processo di integrazione sulla base di un programma di crescita sostenibile e di inclusione sociale. Un'occasione da non sprecare per sconfiggere definitivamente i movimenti xenofobi e nazionalisti che agitano ancora il nostro continente.
Altre sull'argomento
Le elezioni in Israele: la ônon vittoriaö di Bibi
Le elezioni in Israele: la ônon vittoriaö di Bibi
Molto difficile fare una maggioranza, tra partiti religiosi e partito ...
Mosca amara per Putin
Mosca amara per Putin
Alle elezioni comunali il partito del presidente perde un terzo dei seggi
Russia, il partito di Putin perde un terzo dei seggi a Mosca
Russia, il partito di Putin perde un terzo dei seggi a Mosca
Malgrado l'esclusione di molti candidati di opposizione
Onore alla vittima e al diritto
Onore alla vittima e al diritto
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.