Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Le elezioni in Israele: la ônon vittoriaö di Bibi

Molto difficile fare una maggioranza, tra partiti religiosi e partito arabo

Maria Grazia Enardu 19/09/2019

Le elezioni in Israele: la ônon vittoriaö di Bibi Le elezioni in Israele: la ônon vittoriaö di Bibi L'unica cosa certa è che Netanyahu non ha vinto, per la concorrenza dei partiti di destra guidati da nemici. Lieberman, a capo degli ebrei "russi", gli aveva negato appoggio in aprile spingendolo a disperate elezioni. Infatti Bibi aveva pure considerato l'opzione di una guerra a Gaza, emergenza nazionale e rinvio. L'altra nemica è Ayelet Shaked, il suo partito aveva fallito la soglia in aprile e lei voleva entrare nel Likud ma Bibi ha detto no. E Shaked, unica capolista donna, ha avuto 7 seggi. Poi la nemesi degli arabi israeliani, che Bibi accusa di arrivare in orda, diritto al voto = invasione. Gli arabi di solito si astengono ma stavolta meno, e hanno votato per vari partiti ma soprattutto un loro partito unitario, 13 seggi. Quando il governo ha proibito bus organizzati per gli elettori beduini verso i lontani seggi, decine di auto israeliane anti-Bibi li hanno portati a votare.
 
Il Likud di Bibi ha 31 seggi, il Blu e Bianco di Gantz 33. Nessun blocco ha la maggioranza (61 seggi su 120) della Knesset, neanche con la plastilina di un partito religioso, Shas, 9 seggi. Gantz ha cominciato a muoversi consultando il partito arabo. Non entreranno nel governo, è impossibile, ma il resto si può vedere. Bibi è a rischio di processi per corruzione, e propone a Gantz un governo insieme, ma caveat emptor. Lo scenario più positivo, non immediato, è una Grande Coalizione, Gantz e Likud senza Bibi, un golpe interno è necessario.  Lieberman con i suoi 8 seggi si aggiungerà, se Bibi è fuori. Obiettivo, rompere l'assedio degli ultraortodossi allo stato: sussidi, scuole, esercito, diritto di famiglia. La GC potrebbe avere l'astensione concordata del partito arabo che realizzerebbe un sogno fantastico, diventare opposizione ufficiale. Ruolo che tocca al primo dei partiti non di governo, comporta essere messi al corrente degli affari di stato, sicurezza compresa. Con o senza colpi di coda (nuove elezioni!) Israele può voltare pagina.
Altre sull'argomento
Netanyahu rinuncia all'incarico
Netanyahu rinuncia all'incarico
E' la fine di un'epoca in Israele
Dall'Austria duro colpo ai sovranisti
Dall'Austria duro colpo ai sovranisti
Il trionfo dei popolari di Sebastian Kurz
Dies Bibi, comunque vada
Dies Bibi, comunque vada
Certezze e incognite delle elezioni in Israele
Agenda della settimana
Agenda della settimana
Martedý israeliani al voto, mercoledý atteso a Roma il presidente ...
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.