Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

In crisi le politiche muscolari

Se Boris Johnson dovesse uscire di scena...

Giuseppe Roma 10/09/2019

Boris Johnson Boris Johnson Se anche Boris Johnson nei prossimi giorni dovesse uscire di scena, avremo un ulteriore segnale che stiamo assistendo a un cambio di fase, in quanto si va consumando un modo di fare politica sprezzante e di rottura rispetto al tradizionale gioco democratico europeo. Gli scenari possibili, autorevolmente delineati in Gran Bretagna, indicano cinque possibili esiti conseguenti alla promulgazione della legge anti no-deal. La meno probabile è che Johnson abbia il via libera per elezioni anticipate da svolgere il prossimo 15 ottobre, perché non dispone di una maggioranza qualificata in parlamento. Improbabile anche l’ipotesi che il premier eviti di dimettersi, realizzando il miracolo di far approvare un nuovo Brexit deal prima del 19 ottobre, per uscire dalla Ue con un accordo entro il 31 ottobre. Né è pensabile che con una capriola possa, all’ultimo momento, richiedere a Bruxelles una proroga, nel qual caso, comunque, chiusa la partita con la Ue si andrebbe a elezioni entro l’anno.
 
Nel caso, invece, si dimetta, passando la mano a un altro leader per un governo di transizione, l’esito della trattativa dipenderebbe in gran parte dalla disponibilità europea. Ma a quel punto il quadro politico in evoluzione potrebbe addirittura ipotizzare una più ragionevole uscita morbida dall’Unione o, addirittura, un eventuale secondo referendum nel 2020. Per quanto siamo ormai abituati a colpi di scena che rendono inservibili le migliori previsioni, la vicenda britannica quanto meno ci porta a rivalutare gli anti-corpi esistenti nel nostro sistema istituzionale e di altri parlamenti europei. Grandi coalizioni, alleanze spurie o accordi di legislatura possono costituire un argine efficace, ma temporaneo, alle esagerazioni estremistiche, tuttavia la politica, soprattutto europea, deve trovare i modi per riconciliarsi con i cittadini e il sociale.
Altre sull'argomento
La Londra rossa dei blu Tory
La Londra rossa dei blu Tory
Soldi da Mosca, elezioni e Brexit
Il fascino della catastrofe
Il fascino della catastrofe
L'Europa tra sogni impossibili e incubi irrealistici
Salvini abita ancora alla Rai
Salvini abita ancora alla Rai
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Brexit, fine pena mai?
Brexit, fine pena mai?
Si profila un nuovo rinvio della "data feticcio" del 31 ottobre
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.