Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Mueller sul Russiagate misura le sillabe

Ma ammette che i russi sono ancora all'opera

Maria Grazia Enardu 25/07/2019

Mueller sul Russiagate misura le sillabe Mueller sul Russiagate misura le sillabe Robert Mueller, il procuratore speciale a capo dell'inchiesta sul Russiagate, è stato ascoltato dalle Commissioni Giustizia e Intelligence della Camera Usa, tutte e due a maggioranza democratica. Il rapporto era stato censurato in varie parti dal ministro della Giustizia Barr e Mueller, in aprile, se ne era lagnato in una lettera. Voleva che il rapporto parlasse da solo, ma purtroppo è troppo tecnico. I democratici del Congresso lo hanno convocato per farlo parlar chiaro e non ci sono riusciti. Mueller non aveva ritenuto di poter incriminare Trump di collusione con i russi per la campagna elettorale ma non lo esonerava. Un punto di vista sfaccettato, poco gestibile: un presidente in carica può essere incriminato, impeached, solo dal Congresso: si può alla Camera ma il Senato è repubblicano. Semmai, incriminato post Casa Bianca. Per ore, Mueller è apparso prudente, anzi circospetto, stanco e a volte incerto (ha 75 anni), disposto a confermare solo quello che era nel rapporto, che peraltro non ha firmato. Ha evitato ogni supposizione, dimenticato dettagli (che sono infiniti), aggirato l'impeachment in qualsiasi modo. Una testimonianza riluttante e opaca, con un mantra: se è nel rapporto, lo confermo. Ma una cosa l'ha detta chiara: le interferenze elettorali di Russia etc continuano, adesso. Mueller è un repubblicano amato dai democratici, e li ha delusi tutti. Contento Trump, che sente solo quel che vuol sentire e pensa solo alla rielezione.
 
In contemporanea, da Londra arrivava il turbodiscorso, con saltelli, di Boris I° e Unico, luogotenente di Elisabetta. Ha promesso tutto a tutti con dettagliato elenco. Ah, sì, pure il Brexit. Ha messo insieme un governo di lealisti pronti alla pugna, Regno contro Europa, un classico. L'impresa è folle, richiede un pazzo, la compagine fa paura, spicca l'ultrà Rees-Mogg come leader dei Comuni, stile Colosseo. Ma tutti i Tory hanno terrore di passare la mano a Corbyn. Tra 99 giorni si vedrà.
Altre sull'argomento
Le spie, il sicofante, l'amico di Putin
Le spie, il sicofante, l'amico di Putin
Trump ha nominato il nuovo capo dell'intelligence
Le parole-pietre di chi governa
Le parole-pietre di chi governa
Le espressioni razziste che minacciano la democrazia
La calda estate di Donald
La calda estate di Donald
Dalla conflittualitÓ con l'Iran agli strascichi del Russiagate
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.