Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Nomine europee, strada in salita per Conte

Stasera a cena i leader cominceranno a discutere di Bce, Commissione e vertice dell'Europarlamento

Rocco Cangelosi 28/05/2019

Nomine europee, strada in salita per Conte Nomine europee, strada in salita per Conte Senza nemmeno aspettare il completamento delle operazioni di verifica dei nuovi eletti al Parlamento europeo i capi di Stato e di Governo si riuniscono stasera a Bruxelles a cena  per un primo confronto sulle assegnazioni dei più alti incarichi dell'Unione, a cominciare dalla Bce, il cui Presidente Draghi scade a fine ottobre. Probabilmente nella riunione del Consiglio europeo di giovedì prossimo non si deciderà ancora nulla, ma i leader non potranno non valutare il terremoto politico che ha scosso alcuni Paesi, tra cui l'Italia e la configurazione del nuovo Parlamento europeo, chiamato a concorrere in modo determinante alle scelte in gioco. I risultati delle elezioni comporteranno probabilmente il ricorso alle urne per il rinnovo dei rispettivi parlamenti nazionali in alcuni Stati membri: Austria e Grecia hanno già preannunciato elezioni anticipate. La Germania e l'Italia, dove i rapporti di forza  all'interno delle rispettive coalizioni sono stati sostanzialmente modificati, potrebbero anch'esse nel giro di qualche mese tornare a votare e così il Regno Unito, dove i sorprendenti risultati del Brexit Party da una parte, il crollo di Tory e laburisti e l'affermazione dei partiti pro europei dall'altra, potrebbero accelerare il ritorno alle urne.
 
Per quanto riguarda il Parlamento di Strasburgo sostanzialmente il blocco europeista ha tenuto, nonostante i partiti cosiddetti sovranisti siano risultati primi in alcuni paesi come Italia, Francia, Ungheria, Polonia,Gran Bretagna.Le carte per le nuove cariche saranno date quindi ancora una volta dai leader appartenenti alle principali famiglie europee, ovvero Ppe, Pse e Alde, che dovranno tuttavia tener conto di un nuovo importante arrivo ovvero della componente dei Verdi, che ha raggiunto risultati eccezionali, in particolare in Germania,Francia, Austria, Gran Bretagna.
 
In questo contesto, il premier Conte sarà a chiamato a negoziare qualche posizione di rilievo per l'Italia. Tuttavia il cammino sarà tutto in salita. La vittoria della Lega rende meno credibile la figura del nostro Presidente del Consiglio e il nostro Governo  appare sempre più disomogeneo rispetto alla maggioranza attuale nel Consiglio e nel Parlamento europeo. Non solo, ma il fatto che l'Italia abbia finora ricoperto gli incarichi di Presidente di Bce e Parlamento europeo e Alto Rappresentante renderà più difficili le rivendicazioni di Conte. Dire che l'Italia conterà di più, come afferma Salvini è pura illusione. L'Italia rischia di essere marginale e di pagare i conti della politica economica spericolata e talora arrogante condotta in questo anno di governo. Né servirà l'alleanza con i vari Orban, Le Pen, Farage, Kacinsky a modificare il quadro.
Altre sull'argomento
Come la Brexit ha distrutto la politica inglese
Come la Brexit ha distrutto la politica inglese
E il nuovo Parlamento europeo si ritrova al proprio interno un gruppo ...
Conte e i vivacchianti
Conte e i vivacchianti
Come evolvono i rapporti tra il premier e i due vicepremier
La contraddizione di Tria
La contraddizione di Tria
La strategia per evitare l'infrazione Ue incompatibile con le promesse ...
Altro parere
Altro parere
Altro che schiena dritta il governo ha la scoliosi
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.