Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Theresa va, la Brexit no

La settimana terribile di Elisabetta: arrivi e partenze

Maria Grazia Enardu 24/05/2019

Theresa May annuncia le dimissioni Theresa May annuncia le dimissioni Il Therexit, dopo mille giravolte, si è avverato in lacrime, i Tory si erano addirittura appellati a Philip May, il marito, per persuaderla a uscire dal bunker. Come d'uso, May andrà da Elisabetta, per l'ultima volta. Ogni settimana, la Regina riceve il primo ministro per un téte a téte. Ci hanno fatto su una commedia di successo, The Audience, nel 2013. Ha cominciato con un monumento, Churchill, e poi tutti, finora 13. Dai primi avrà imparato, agli ultimi avrà insegnato, decenni di regno distillano senso politico. Degli incontri si sa solo che i primi ministri sono sempre emozionati ed eseguono inchino o riverenza (memorabile May, un vero fenicottero). Mezz'ora che ad alcuni sembrerà minuti, ad altri un'eternità. Sono momenti istituzionali totalmente segreti, tra il potere nominale e quello effettivo, uno di lunga durata, l'altro per definizione temporaneo.
 
Con le dimissioni di May la rissa per la successione diviene ufficiale, lei rimarrà leader Tory fino al 7 giugno e poi ci vorranno 6 settimane per scegliere un successore che potrà divenire PM. Ma questo è un "hung parliament", Elisabetta affiderà l'incarico al nuovo leader sperando trovi una maggioranza. Nel frattempo domenica sera si sapranno i risultati delle elezioni europee, ridotti a sondaggio ma mortali lo stesso per Tory e Labour, e che, nell'intera Europa, detteranno il percorso del Brexit. Lunedì 3 altra botta, arriva Trump con tutta la famiglia, troverà May al lumicino, una Regina preoccupata, dimostrazioni varie. E chi sarà il 14° PM di Elisabetta? Il favorito al momento è Boris Johnson, odiato da molti ma l'unico ritenuto capace di non far perdere le prossime elezioni ai conservatori. Se Elisabetta dovesse affidargli il Regno Unito, le udienze settimanali saranno meno rituali. Boris è un Trump con laurea ad Oxford: bugiardo, improvvisatore, casinista. Dopo 67 anni sul trono, sarà una prova assai difficile ed Elisabetta può solo sperare che il 15° sia migliore, e non tocchi a Carlo.
Altre sull'argomento
Come la Brexit ha distrutto la politica inglese
Come la Brexit ha distrutto la politica inglese
E il nuovo Parlamento europeo si ritrova al proprio interno un gruppo ...
La vestale Theresa se ne va, ma non subito
La vestale Theresa se ne va, ma non subito
Parte la lunga ricerca del nuovo leader dei conservatori
Il triste addio di Theresa
Il triste addio di Theresa
Boris Johnson resta favorito alla successione e non si escludono ...
Trump, Macron e May insieme al 75esimo del D-Day
Trump, Macron e May insieme al 75esimo del D-Day
l cimitero statunitense di Colleville-sur-mer
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.