Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Libia, la svolta di Moavero

Apertura ad Haftar per salvare la Conferenza di Sciacca

Rocco Cangelosi 12/09/2018

Enzo Moavero Milanesi Enzo Moavero Milanesi La missione di Moavero a Bengasi segnala una virata a 180 gradi della politica italiana verso la Libia. Dopo aver sostenuto a spada tratta il governo di Al Serraj considerato anche dall'Onu il solo legittimo rappresentante del popolo libico, il governo italiano si piega alle ragioni della Real Politik e scende a patti con il generale Haftar, l'uomo forte che tiene in mano la Cirenaica con il sostegno di Francia, Russia ed Egitto. L'Italia prende atto seppur tardivamente dei rapporti di forza che prevalgono nel labirinto libico e cerca di recuperare il terreno perduto, nella speranza che Haftar accetti di partecipare alla Conferenza prevista a Sciacca in novembre che senza la presenza del generale  libico perderebbe di significato.
 
Tutto questo costerà probabilmente il sacrificio del nostro Ambasciatore in Libia Perrone, inviso ad Haftar e dichiarato persona non grata dal Parlamento di Tobruk, con il conseguente ripensamento della nostra presenza diplomatica a Tripoli, finora accreditata solamente presso il governo Al Serraj. Il nostro governo spera di trovare così un'intesa per rinviare le elezioni che, se venissero tenute a dicembre come sostenuto dai francesi, segnerebbero una dura sconfitta politica e diplomatica per la Farnesina a tutto vantaggio dei cugini d'oltralpe. D'altra parte non sembrano esserci alternative. Perseverare nel sostegno incondizionato al governo Al Serraj in crisi di autorità, sarebbe controproducente. Benvenuta quindi la mossa di Moavero se servirà a salvare la conferenza di Sciacca e a restituire all'Italia un ruolo centrale nella crisi libica. Meglio tardi che mai, sempre che il cambio di paradigma nei confronti di Haftar non significhi in fin dei conti mettersi al traino del carro franco-russo.
Altre sull'argomento
Libia, molte incognite sulla conferenza di Palermo
Libia, molte incognite sulla conferenza di Palermo
Cruciale il rapporto con la Francia e con Haftar
Doppio passaporto in Alto Adige e contraddizioni del Governo
Doppio passaporto in Alto Adige e contraddizioni del Governo
Abbiamo poche armi per opporci all'offensiva dei sovranitÓ austriaci
Una tragedia inaccettabile
Una tragedia inaccettabile
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Conte arriva a Washington per incontro con Trump
Conte arriva a Washington per incontro con Trump
Per consolidare il feeling tra i due
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.