Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Ubi tu, ibi ego

Trump e Putin si incontrano dove possono

Maria Grazia Enardu 30/07/2018

Ubi tu, ibi ego Ubi tu, ibi ego Ci sono tragedie e commedie su amanti che cercano di incontrarsi,  qualche volta finisce malissimo, altre volte in risate. Conta il vicendevole inseguirsi, a ostacoli. Donald e Vladimir sono una inedita coppia. Strana no, quelli sono Walter Matthau e Jack Lemmon. Appartengono a famiglie nemiche ma sentono un afflato incomprensibile al mondo, così legato a schemi, canoni, miserie. Giulietta e Romeo, dove Giulietta è il chiomato Donald, fa più tweet lui dell'usignolo che svegliava i giovanissimi amanti. Già, sono un pò agé, ma non bisogna essere rigidi su queste cose. In verità la famiglia di Vladimir, ovvero ex spie del Kgb e oligarchi al guinzaglio, è favorevole all'unione, piantare lo stendardo sulla Verona del Potomac è la rivincita di tante umiliazioni. E’ la famiglia Usa a dar problemi, anche se il ruolo della nutrice e del frate complici di Giulietta ricade sullo zoccolo duro trumpiano. Al quale ricordiamo che a nulla servirono così affettuose trame, se non a fare più danni. Perché alla fine i due amanti, anzi sposi, morirono di equivoci, l'uno addosso all'altro. Romeo aveva anche accumulato due omicidi (Tebaldo e Paride), giusto per essere fiscali. E Vladimir ha il Novichok di Salisbury (bene?) ma anche quello di Amesbury (male!).
 
Dopo il rendevouz di Helsinki, appena 10 giorni fa, Trump ha invitato Putin a Washington, idea non buonissima, pensa Vladimir, l'ambiente sarebbe saturo di Fbi, che sull'argomento Russia è un mastino di guerra, mai mollare la presa e basta. Putin ci ha pensato su e invitato Trump a Mosca. Dove i cipollotti delle cattedrali russe sono meravigliosi e pieni di ogni tipo di microspia, pensano i consiglieri di Donald, anche quelli più stupidi. Ma sono spregevoli pochezze, quel che conta è vedersi, mandare via l'interprete Usa e rimanere soli con quello russo (già successo). A loro basta  uno sguardo per intendersi, e tanto finisce male ma non sappiamo come - si chiama suspence.
Altre sull'argomento
Il prezzo pagato da Conte a Trump
Il prezzo pagato da Conte a Trump
Un "rapporto privilegiato" con molti obblighi
Conte arriva a Washington per incontro con Trump
Conte arriva a Washington per incontro con Trump
Per consolidare il feeling tra i due
Il viaggio di Conte
Il viaggio di Conte
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
L'immersione di Mueller e le bolle di Giuliani
L'immersione di Mueller e le bolle di Giuliani
Tutto ruota attorno al possibile interrogatorio di Trump
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.