Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Il pasticcio di Gallipoli, 1915 e 2018

L'espulsione degli Imam turchi dall'Austria

Maria Grazia Enardu 12/06/2018

Il pasticcio di Gallipoli, 1915 e 2018 Il pasticcio di Gallipoli, 1915 e 2018 Notizia: in Austria il governo di destra Kurz ha deciso l’espulsione di decine di iman turchi, accusati di attività varie. Tra cui una recita scolastica, bambini turchi in una moschea di Vienna che hanno ricordato la gloriosa resistenza dei turchi a Gallipoli nel 1915 contro l’invasione “europea” e giurato che Gallipoli rimarrà inviolata etc. Questo non va bene, pensa il governo Kurz, soprattutto visto che ora l’invasione è islamica! La faccenda è talmente fuori di testa da chiedersi se a Vienna studino un pò di storia o si trastullino coi videogames. Nella Prima guerra mondiale l’Impero Ottomano era ALLEATO di Germania e Austria-Ungheria. Quando i nemici (britannici e francesi) sbarcarono nella striscia di Gallipoli, sugli Stretti, con l’idea di arrivare ad Istanbul e chiuderla lì, i turchi si batterono come leoni e li ributtarono a mare. La Gran Bretagna inoltre mandò australiani e neozelandesi a morire lì. L’idea era di Churchill, allora Primo Lord dell'Ammiragliato, che la sconfitta relegò in un cantuccio per un pò.
 
Assieme ai turchi, a Gallipoli, c’erano anche i tedeschi - ignoro se ci fossero austriaci, ma certo non in modo rilevante. La recita dei bambini turchi è stata la rievocazione di un nobile sacrificio comune ma forse era meglio farla a Berlino, magari lì sono meno ignoranti. Per inciso, i turchi pagarono carissima l’alleanza con gli Imperi Centrali che era soprattutto in funzione antirussa, e infatti nel 1939 rimasero neutrali e furono corteggiati da tutti. Per i cinefili, nel 1981 l’australiano Peter Weir girò un film straordinario: Gallipoli - gli anni spezzati. Ma si apre anche una discussione su quali temi siano adatti a una recita scolastica: storia, favole, improvvisazioni, tutto è pieno di tranelli. Meglio portare i piccoli da McDonald, l’unica organizzazione mondiale che vede pochissime guerre tra i paesi membri. Calorica ed ecumenica, con neutrale ruttino.
Altre sull'argomento
Agenda della settimana
Agenda della settimana
Conte vola da Merkel
Il disordine in Siria (e a Washington)
Il disordine in Siria (e a Washington)
Dopo il bombardamento di Usa, Francia e Gran Bretagna
Siria, l'autoesclusione di Usa e Ue
Siria, l'autoesclusione di Usa e Ue
Il futuro dell'area nelle mani dello strano triumvirato Turchia-Russia-Iran
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.