Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Trump tra il G7 e il vertice con Kim

L'asse del potere si sposta verso Oriente

Rocco Cangelosi 11/06/2018

Trump tra il G7 e il vertice con Kim Trump tra il G7 e il vertice con Kim Finisce senza accordo e tra gli insulti il G7 di Charlesvoix in Canada, mentre Trump  vola a Singapore per incontrare Kim Jong un. Anche l'estremo tentativo di mettere  una toppa  alle profonde divergenze emerse nei due giorni del vertice tra gli Usa e i suoi tradizionali alleati e' fallito. Trump infatti ha respinto anche il comunicato finale messo a punto in sua assenza, facendo intendere così di essere pronto a estendere i dazi anche alle importazioni delle auto. Una sconfessione in piena regola dei suoi collaboratori e una delegittimazione dello stesso formato del G7, che Trump, lasciando platealmente in anticipo la riunione, non ha esitato a definire inconsistente, senza la Russia. Una dichiarazione che ha provocato sconcerto e disorientamento tra gli alleati.
 
Il baricentro del mondo si sposta così in Asia. Lo testimonia l'incontro svoltosi a Pechino tra Putin e Xi Jingping, mentre il G7 si riuniva in Canada, incontro che segnala visibilmente un profondo cambiamento negli equilibri mondiali e il peso crescente economico, politico e militare che l'Oriente sta acquistando a spese dell'Occidente. La governance mondiale non e' più nelle mani dei sette Paesi più industrializzati e per questo deve essere ripensata. In questo contesto l'incontro con Kim Jong Un acquista un particolare rilievo non solo dal punto di vista mediatico, ma geopolitico.
 
Qualunque accordo che emergerà dai colloqui tra i due leader dovrà infatti essere garantito in primo luogo da Cina e Russia, due Paesi con i quali l'America di Trump in nome della Realpolitik, non esita a ricercare pragmaticamente delle intese, lasciando in disparte principi e valori che sono stati il patrimonio comune dell'Occidente. Una posizione che rischia di mandare in fumo oltre 50 anni di solidarietà atlantica e la collaborazione nel quadro del G7, considerato ormai come un formato sorpassato destinato a essere in futuro egemonizzato da un G3.
Altre sull'argomento
Magri risultati del summit Trump-Kim
Magri risultati del summit Trump-Kim
I maggiori vantaggi per il dittatore nordcoreano
Il sovranismo che genera i conflitti
Il sovranismo che genera i conflitti
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Storico incontro Trump-Kim a Singapore
Storico incontro Trump-Kim a Singapore
Stretta di mano di 13 secondi
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.