Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Def, il governo si rimanda a settembre

I conti pubblici nel limbo in attesa delle raccomandazioni europee

Paolo Mazzanti 09/04/2024

Def, il governo si rimanda a settembre Def, il governo si rimanda a settembre Per non affogare travolto dall’alluvione di richieste di spesa pubblica il governo si è aggrappato al salvagente europeo. Poiché le norme del nuovo Patto di stabilità non sono ancora del tutto definite e le raccomandazioni per i Paesi in procedura per deficit eccessivo (Italia compresa) arriveranno a luglio, Meloni e Giorgetti hanno deciso di varare un Def puramente “tendenziale” senza indicare gli obbiettivi programmatici di finanza pubblica che sono rimandati al 20 settembre. Quindi, ad oggi, il taglio del cuneo fiscale e la riduzione a tre delle aliquote Irpef che stanno dando un po’ di sollievo alle famiglie ma erano finanziati (in deficit) solo per quest’anno, non sono prorogati per il 2025, anche se Giorgetti ha assicurato che lo saranno:”Quando avremo il quadro - ha detto - sapremo anche dove andare a incidere e tagliare per creare le risorse per la decontribuzione” che vale circa 15 miliardi insieme alla riduzione delle aliquote Irpef.
 
Quindi sappiamo solo che in autunno arriveranno tagli e sacrifici. Per il resto, il Def “light” (come le bibite dimagranti) prevede per quest’anno una crescita all’1%, più alta di quella stimata dai centri studi (Bankitalia prevede lo 0,6%) e anche da questo ottimismo deriveranno prima o poi nuovi tagli e sacrifici. Deficit e debito, anche per gli effetti ancora non del tutto calcolato del Superbonus, sono previsti nel triennio un po’ piu’ alti di quelli stimati nella Nadef e bisognera’ vedere se la Ue accetterà il mancato calo soprattutto del debito. Da ultimo, è singolare che un governo sovranista attenda le direttive da Bruxelles per progettare la propria politica economica. Ma le elezioni incombono ed è meglio rimandare le cattive notizie a dopo le urne.
Altre sull'argomento
Sul no alle tasse volano gli stracci
Sul no alle tasse volano gli stracci
Tensione tra Tajani e Giorgetti sempre più esasperato
Superbonus, la stretta del governo favorirà il sommerso
Superbonus, la stretta del governo favorirà il sommerso
L'emendamento cancella l'intero sistema dei bonus all'edilizia
Per l'Italia previsioni Ue in chiaroscuro
Per l'Italia previsioni Ue in chiaroscuro
Cresce il Pil, ma il debito aumenta più delle stime del Def
Niente confronto Meloni-Schlein
Niente confronto Meloni-Schlein
La Rai ha dovuto fare marcia indietro per la par condicio
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.