Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Gli ostacoli al “risiko bancario”

Non ci sono sufficienti incentivi alle aggregazioni

Andrea Battista 29/01/2024

Gli ostacoli al “risiko bancario” Gli ostacoli al “risiko bancario” Nelle recenti sedute di Borsa si è tornato, abbastanza improvvisamente, a parlare di “risiko bancario”, in relazione alle tensioni al rialzo sul titolo della Banca Popolare di Sondrio, l’ex popolare ultima a trasformarsi in spa dopo una lunga resistenza legale. Qualche dubbio però è lecito, non tanto nel caso di specie (che lasciamo trattare al mercato) quanto in termini generali. Attraverso diverse ondate, il sistema bancario italiano, a partire dall’ inizio degli anni ‘90 con la storica fusione delle tre storiche banche romane, poi nella prima parte degli anni 2000 e infine dopo la crisi finanziaria si è concentrato in misura significativa. Tre in generale sono stati i vettori fondamentali: il calo epocale dei tassi di interesse legati alla nascita dell’Euro; il perseguimento di economie di scala, alla ricerca di strutture di costo più sostenibili; “i salvataggi” delle banche che non hanno superato la pluralità di sfide e shock ovvero protagoniste dei noti casi di mala gestione.
 
In generale, la concentrazione è stata una via per tentare di avvicinare il costo del capitale e offrire agli azionisti una redditività perlomeno positiva. Nel nuovo regime dei tassi d’interesse, dopo gli aumenti del 2022 ed “esaurita” la gestione delle situazioni di crisi, le ragioni di fondo che spingevano alla concentrazione sembrano venute meno, se pensiamo che la riduzione dei tassi oggi attesa dal mercato non ci riporterà nell’era dei tassi zero o bassissimi. Aggiungiamo in questo quadro poi la tecnologia, che può essere un driver alternativo per la ricerca dell’efficienza e che, a causa principalmente del non completamento dell’Unione bancaria, mancano poi le aggregazioni cross border nel mercato europeo. In questo quadro, gli incentivi ad affrontare il complesso processo di aggregazione per il management e per il board appaiono piuttosto limitati.Se vedremo qualcosa, valori di mercato permettendo, saranno probabilmente acquisizioni non amichevoli.
Altre sull'argomento
La “rendita” delle banche
La “rendita” delle banche
La Bce assicura remunerazioni elevate alle riserve non obbligatorie, ...
Tassi di interesse e finanza in Europa
Tassi di interesse e finanza in Europa
Come convivere con il costo del denaro più elevato
L'inflazione cala rapidamente
L'inflazione cala rapidamente
Ma la Bce non abbasserà subito i tassi
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.