Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

01/01/1970

TAG:
Altre sull'argomento
Il coraggio della Bce 
Il coraggio della Bce 
Ha ridotto i tassi in un quadro ancora incerto
Embrioni di politiche comuni
Embrioni di politiche comuni
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Per l'Italia previsioni Ue in chiaroscuro
Per l'Italia previsioni Ue in chiaroscuro
Cresce il Pil, ma il debito aumenta più delle stime del Def
Dall'Ue buone notizie sull'inflazione 
Dall'Ue buone notizie sull'inflazione 
Si apre lo spazio per il ribasso del tassi della Bce
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.
paolo carnazza 15/03/2023 18:39
L’analisi di De Nardis ben sintetizza le forze contrastanti (positive e negative) che stanno caratterizzando l’attuale scenario congiunturale in Italia. A nostro parere, i venti contrari che si stanno delineando all’orizzonte, indicati da De Nardis, rischiano purtroppo di crescere d’intensità riguardo soprattutto la domanda di beni di consumo. In particolar modo, sulla base di un recente studio (Cassese D., Ferroni V., Macauda V., Covid – 19, saving rate and the surge in inflation: some evidence on Italian household consumption, Economic, Focus, MEF, n.1, marzo 2023), è emerso che, nonostante le numerose misure fiscali di sostegno ai redditi attuate dal Governo per contrastare gli effetti della pandemia, la distribuzione asimmetrica del risparmio tra le famiglie (in aumento prevalentemente presso le classi più abbienti) e il maggiore impatto dell'inflazione su quelle a basso reddito potrebbero avere l’effetto di moderare ulteriormente l’andamento dei consumi delle famiglie; ciò potrebbe contribuire a deprimere gli investimenti, già indeboliti da un diffuso e crescente clima di incertezza. Sulla debole domanda di consumi potrebbe, inoltre, incidere la recente approvazione del Parlamento europeo riguardo la riforma della direttiva Ue sulle prestazioni energetiche degli edifici al fine di migliorarne la relativa efficienza. Senza entrare nel merito di questa direttiva, che dovrà comunque ancora essere approvata dal Consiglio europeo e che vede molte posizioni contrastanti tra i vari Paesi europei, la direttiva - se applicata - imporrà sicuramente costi aggiuntivi per favorire il passaggio delle abitazioni a categorie energetiche superiori. Costi stimati tra i 20 mila e i 40 mila euro (Gabanelli M., Marro E., Obbligo di intervento su 1,8 milioni di edifici, Il Corriere della Sera 15 marzo 2023). La direttiva non prevede sanzioni per il singolo che decide di non realizzare alcuna spesa per migliorare le prestazioni energetiche della propria casa, ma sarà il mercato stesso a determinarne un deprezzamento: il negativo “effetto ricchezza” potrebbe così indebolire, nell’arco dei prossimi anni, la domanda di beni di consumo e paralizzare il mercato immobiliare.