Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Il difficile mestiere del banchiere centrale

Il 15 dicembre si prevede un nuovo aumento dei tassi, mentre l'inflazione si raffredda

Stefano Micossi 01/12/2022

Il difficile mestiere del banchiere centrale  Il difficile mestiere del banchiere centrale Vi sono pochi dubbi che – dopo anni di quieto vivere in cui l’unica scelta, non controversa, era quella di aumentare la moneta – ora la vita dei banchieri centrali si stia molto complicando. Alla Bce è richiesta una politica ‘credibile’ per riportare al 2% il tasso d’inflazione (era salito al 12,6% in ottobre, in novembre è disceso al 10%, mentre l’inflazione ‘core’, senza beni energetici e alimentari, viaggia vicino al 6%). Siccome prima si erano sbagliati della grossa sottostimando l’inflazione, ora possono sbagliare solo per eccesso di restrizione, come annunciato da Isabelle Schnabel a Jackson Hole. Sbagliare per difetto nella restrizione, ha detto, non è un’opzione. Intanto si vede un forte rallentamento dell’economia (ma non ancora di recessione, salvo forse in Germania). Il dato dell’inflazione di novembre, in discesa, fa ritenere a molti economisti che il picco sia passato, ma forse è ancora troppo presto per dichiarare vittoria. 
 
Ora se ne esce Olivier Blanchard, un influente economista del Petersen Institute di Washington, con l’idea di non puntare più al 2%, come valore obbiettivo per l’inflazione, ma solo al 3. Se fossi la signora Lagarde – e per fortuna non lo sono – nella riunione del 15 dicembre del Consiglio direttivo menerei un altro colpo da 75 centesimi di punto sui tassi ufficiali senza tanti complimenti: perché qualunque cosa di meno verrebbe interpretata come un segno di cedimenti ai lassisti, mentre l’aumento proposto in realtà chiuderebbe solo in parte il divario ancora molto ampio tra l’inflazione e i tassi d’interesse ufficiali. I dati di gennaio daranno indicazioni più chiare, ma intanto sarà stato fatto un altro passo per ricostruire la credibilità della Bce, che non è al massimo.
 
Altre sull'argomento
Agenda della settimana
Agenda della settimana
Fed, Bce e Boe decidono sui tassi di interesse
Se l'energia spinge l'inflazione
Se l'energia spinge l'inflazione
In Italia la componente energetica è più elevata che negli altri Paesi
Come ci siamo difesi dall'inflazione
Come ci siamo difesi dall'inflazione
Risparmi sui beni rincarati, sussidi pubblici, aumento degli occupati
La destra e i conti con la realtà
La destra e i conti con la realtà
Non basta più accusare speculatori, Europa e grande finanza
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.