Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

La tassazione delle mance

Probabilmente è un escamotage per detassare futuri aumenti di retribuzione

Vincenzo Visco 01/12/2022

La tassazione delle mance                                                                                               La tassazione delle mance Una delle misure in apparenza più singolari, se non stravaganti, della legge di bilancio riguarda la tassazione delle mance, per le quali viene previsto un regime agevolato con tassazione onnicomprensiva del 5% ad opera del datore di lavoro, cioè il gestore del ristorante, del bar, ecc. Nella legislazione attualmente in vigore le mance vengono considerate un reddito come tutti gli altri, e quindi sono teoricamente soggette a tassazione in sede Irpef con le normali aliquote progressive previste per i redditi di lavoro. In realtà, salvo errori improbabili, non risulta che qualcuno abbia mai dichiarato redditi derivanti da mance ricevute. Dichiarazione che dovrebbe comunque provenire dal percettore (il cameriere), dal momento che il datore di lavoro non ha normalmente accesso o contezza delle mance che i clienti lasciano ai camerieri. Si tratta quindi di redditi ignorati, non considerati tali dagli interessati, e comunque di entità complessiva e individuale il più delle volte scarsamente rilevante.
 
Ma se è così, a che serve la nuova norma? Dopo qualche riflessione e scambio di opinioni con alcuni colleghi, la conclusione cui siamo giunti è che si tratti di una misura a favore dei ristoratori, e non dei camerieri, volta a legittimare il lavoro nero già esistente, o anche a consentire la concessione di aumenti salariali, anche per un ammontare complessivo rilevante, ma tassati in modo simbolico e senza il versamento dei contributi sociali. In sostanza, si tratta di definire “mancia” una quota della retribuzione del lavoratore, in modo da abbattere il costo del lavoro del settore, rendendo al tempo stesso legali pratiche che già adesso sono molto diffuse, ma non legittime. E’ anche lecito attendersi che nei menù e nei conti dei ristoranti cominceranno ad apparire specifiche voci relative al “servizio” prestato, o simili. Lascio al lettore come valutare un Governo che ritiene normale comportarsi così.
 
Altre sull'argomento
La Chiesa che perde l'Europa
La Chiesa che perde l'Europa
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Contundente
Contundente
Balcani
Gli scogli di catasto e balneari
Gli scogli di catasto e balneari
Il governo alle prese con due impegni solo apparentemente minori
Quanto durerà il governo
Quanto durerà il governo
Si sprecano le (inutili) previsioni sulla durata del nuovo esecutivo
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.