Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Sul gas continua la logica dei sussidi

Occorrerebbe invece raffreddare la domanda

Claudio Di Donato 12/09/2022

Sul gas continua la logica dei sussidi Sul gas continua la logica dei sussidi Un motoryacht da 25 metri per ogni ora di navigazione riceve un sussidio pubblico di 100 euro grazie allo sconto sulle accise dei carburanti; le bollette di Arcore di Berlusconi godono dell’azzeramento degli oneri generali di sistema, come quelle della famiglia con ISEE da 20mila euro. Si possono fare moltissimi esempi per evidenziare le distorsioni provocate dalla logica del sussidio universale, ma anche la scarsa capacità di contrastare la spirale di aumenti dei costi energetici. In poco più di un anno, oltre 40 miliardi di contributi pubblici non hanno tarpato le ali all’inflazione e non hanno modificato la struttura della domanda energetica.
 
Anche sul versante produttivo il sussidio generalizzato non riesce a distinguere e non aiuta la classificazione di energivori e gasiferi. Per una tintolavenderia industriale i costi energetici (gas ed elettricità) rappresentavano il 20% del totale dei costi nel 2021 e oggi sono quasi raddoppiati. Per un pastificio e un’impresa tessile, l’incidenza era sotto il 2%; un’impresa meccanica viaggiava nel 2021 intorno al 3%. Insomma, contributi generalizzati non colgono la realtà e non aiutano.
 
Gli allarmi sul rischio chiusura per migliaia di attività sembrano più fondati sulla percezione che su reali evidenze.  Non significa sottovalutare i rilevanti rincari di luce e gas, piuttosto calibrare misure coerenti al trend dei costi energetici, che non sono destinati a rientrare anche con l’eventuale (e improbabile) fine della guerra in Ucraina. I prezzi scendono se si raffredda la domanda, ma il tetto al prezzo del gas (come insegnano Spagna e Portogallo) e ancor più i sussidi universali, spingono invece nella direzione opposta.
Altre sull'argomento
Ragioni e torti di Berlino
Ragioni e torti di Berlino
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Gas, l'inverno non è al sicuro
Gas, l'inverno non è al sicuro
Nonostante le rassicurazioni del ministro Cingolani
Altro parere
Altro parere
I cattivi maestri
Gli incubi da scacciare
Gli incubi da scacciare
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.