Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Contratti annuali contro l'inflazione

Per evitare il ritorno dell'indicizzazione, ma ci vuole coraggio

Innocenzo Cipolletta 03/05/2022

Contratti annuali contro l'inflazione Contratti annuali contro l'inflazione Quando nel 1993 varammo l’accordo per il superamento della scala mobile, pattuimmo tra le parti sociali di ridurre le cadenze dei contratti da 4 anni a 2 anni per evitare rischi di variazioni dei salari fuori linea con i processi inflazionistici che potevano variare in modo imprevisto. Personalmente suggerii scadenze annuali per la parte salariale come in molti paesi, mentre per la parte normativa si poteva anche allungare a 4 o 6 anni. Invece col tempo le parti sociali, a fronte di una assenza dell’inflazione, riallungarono le scadenze contrattuali a 3 anni.
 
Oggi, col ritorno dell’inflazione, sarebbe bene accorciare queste scadenze per evitare che torni prepotente la voglia di indicizzazione che tanti guai ha determinato per il nostro paese. Avranno le parti sociali il coraggio di affrontare questo tema?
 
Altre sull'argomento
La Bce e le tensioni sui titoli sovrani
La Bce e le tensioni sui titoli sovrani
Affidare all'Esm la funzione di evitare la frammentazione dei mercati ...
La Bce: sostenere la capacità di spesa delle famiglie
La Bce: sostenere la capacità di spesa delle famiglie
Ma allora la banca centrale non deve aumentare i tassi
 Lagarde chiama in causa Ue e governi
Lagarde chiama in causa Ue e governi
La Bce non può essere l'unico traino per lo sviluppo sostenibile
 La Bce alla resa dei conti
La Bce alla resa dei conti
Studia scudo anti spread mentre aumentano i tassi a lunga e l'inflazione
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.