Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Lavori gravosi, cavallo di Troia pensionistico?

Come intervenire dopo l'uscita da Quota 100

L'Irriverente 01/10/2021

Lavori gravosi, cavallo di Troia pensionistico? Lavori gravosi, cavallo di Troia pensionistico? Sentire cinguettare alla radio due torinesi come Elsa Fornero e Cesare Damiano è sempre gradevole per i toni bassi e la correttezza del dialogo. Tanta cordialità fa nascere, però, il sospetto del possibile “inciucio”. E quando si parla di pensioni e di allargamento della borsa il pasticcio è sempre in agguato. Sul rating dei lavori gravosi è abbastanza evidente che si tenta un ulteriore compromesso politico in una maggioranza “tira -e-molla” che può solo contare sul compromesso. E i due personaggi rappresentano bene il momento. La Fornero gongola perché il mancato rinnovo di Quota 100 rappresenterebbe per lei (e anche per molti altri) una meritata vendetta. Per renderla possibile, tuttavia, anche Salvini potrebbe accettare l’Ape allargata a ben 209 mansioni come una scappatoia per mantenere la possibilità di anticipare la quiescenza a un congruo numero di dipendenti.
 
Considerando che quota 100 non è stato un gran successo, il leader della Lega potrebbe anche starci. In più, Damiano già sindacalista Cgil e stimato ex ministro del Lavoro, strizzando l’occhio ai sindacati, con l’escamotage di offrire al Parlamento la possibilità di scegliere dove piazzare il limite di chi è dentro e chi è fuori, passa il cerino ai politici per trovare la quadra fra risorse e categorie. Compito non facile con il governo che a quel punto resterebbe a guardare. Non sarà un piano troppo astuto? E’ giusto che lavoratori precoci e chi ha faticato mettendo seriamente a repentaglio la propria salute vada in pensione prima. Ma farne un cavallo di Troia per rosicchiare rendite improprie non è proprio un progetto politically correct.
Altre sull'argomento
Lo scatto che serve ai leader
Lo scatto che serve ai leader
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Salvini-Meloni: così uniti, così divisi
Salvini-Meloni: così uniti, così divisi
I due leader ostentano concordia ma nelle scelte concrete sono sempre ...
Contundente
Contundente
Credibilità
Il “coraggio” di Giorgetti
Il “coraggio” di Giorgetti
Sarebbero stati solo un equivoco i presunti attacchi a Salvini
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.