Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Caro energia e difesa dei più poveri

Giusti gli interventi del governo che proteggono le fasce deboli

Innocenzo Cipolletta 29/09/2021

Caro energia e difesa dei più poveri Caro energia e difesa dei più poveri L’aumento dei prezzi dell’energia era atteso anche perché in gran parte si tratta di un recupero dei livelli di prima della crisi. Il governo ha scelto di mitigare questi aumenti e di proteggere alcune categorie più deboli in termini di reddito, ma ha lasciato comunque che i prezzi aumentassero in misura significativa per i consumatori e per le imprese. La scelta è giusta. Se vogliamo percorrere la via del progressivo abbandono dell’energia da fonti fossili, è necessario che i prezzi di tali fonti salgano per favorire processi di sostituzione e spingere i consumatori a fare scelte coerenti con la transizione energetica.
 
Resta la necessità di non comprimere eccessivamente la capacità di spesa, specie i redditi più bassi. Ma in questo caso è meglio dare sussidi alle famiglie a basso reddito, piuttosto che ridurre artificialmente i prezzi dell’energia.
Altre sull'argomento
Che cosa spinge i prezzi in Europa
Che cosa spinge i prezzi in Europa
L'aumento dei prodotti energetici e l'incidenza dell'Iva tedesca
Altro parere
Altro parere
Transizione ecologica e sindrome Marchionne
Altro parere
Altro parere
Fermare la palla di neve prima della valanga
La spinta geopolitica all'inflazione
La spinta geopolitica all'inflazione
Sull'aumento dei prezzi incide anche la tensione tra Usa e Cina
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.