Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Smart working e occasioni perdute

Nella Pa il ministro Brunetta intende tornare al lavoro quasi solo in presenza

Domenico De Masi 10/09/2021

Smart working e occasioni perdute Smart working e occasioni perdute L’Osservatorio sullo Smart Working del Politecnico di Milano ha calcolato che, subito prima della pandemia, in Italia telelavoravano solo 570mila persone. Praticamente eravamo il fanalino di coda in Europa, soprattutto rispetto a Inghilterra, Germania e Francia. Scoppiata la pandemia, sotto la spinta di un paio di DPCM, in pochi giorni i telelavoratori sono schizzati a 6,58 milioni. Senza la pandemia, continuando con i ritmi precedenti, questo traguardo avrebbe richiesto 210 anni e sarebbe stato raggiunto nel 2230.
 
Dunque la pandemia ha costretto le imprese e la Pubblica Amministrazione a sperimentare su vasta scala il lavoro a distanza che poi ha contribuito in misura determinante a salvare la salute, l’economia, la scuola, i servizi e l’ambiente. Smart significa intelligente. Ma non basta cambiare il posto perché un lavoro diventi intelligente. Tuttavia si tratta di un primo passo nella rivoluzione epocale per cui sta cambiando radicalmente la natura stessa del lavoro. In diecine di organizzazioni la sperimentazione forzata dello smart working è stata accompagnata da scrupolose ricerche per monitorarne gli effetti. La stragrande maggioranza dei capi intervistati ha dichiarato che la produttività complessiva è aumentata; la stragrande maggioranza dei dipendenti si è detta ben disposta a proseguire con lo smart working anche dopo la pandemia. Centinaia di imprese hanno colto l’occasione per modernizzare i loro sistemi e stipulare i relativi contratti. Sempre secondo il Politecnico di Milano, nelle organizzazioni che hanno applicato il lavoro a distanza la produttività è aumentata del 10%, i costi vivi per gli immobili sono calati tra il 30 e il 50%, senza contare il miglioramento dell’impatto ambientale e l’aumento dell’inclusione.
 
Nella Pubblica Amministrazione, dove lavorano 3,2 milioni di persone, in gran parte con mansioni telelavorabili, la ministra Dadone (donna, giovane e digitale), rimasta in carica fino al 13 febbraio 2021, ha colto l’insperata occasione e, nel dubbio se mettere i dipendenti pubblici in cassa integrazione o in smart working, ha saggiamente optato per questa seconda alternativa. I risultati, al contrario di quanto si è detto, sono stati eccellenti. Ad esempio, mettendo in lavoro agile il 97% del suo personale, l’Inps è riuscita a smaltire 6,4 milioni di pratiche relative alla Cig laddove, prima della pandemia, ne evadeva solo 800mila. La Dadone aveva deciso che, dopo la pandemia, almeno il 50% dei dipendenti pubblici avrebbero dovuto proseguire con il lavoro a distanza. Invece Renato Brunetta, suo successore dal 13 febbraio, ha annunziato che nella PA i telelavoratori non dovranno superare il 15% adducendo a giustificazione che mancano ancora i contratti, gli obiettivi e le tecnologie. Ma proprio queste lacune il Ministro avrebbe dovuto colmare nei 7 mesi che ha avuto a disposizione, proseguendo l’opera avviata dalla ministra precedente. Poiché, come attestano numerose ricerche, con lo smart working aumenta la produttività e se le imprese private adotteranno questa modalità di lavoro più della PA, il risultato delle politiche lavoristiche di Brunetta sarà un aumento del gap negativo della macchina dello Stato rispetto alle imprese private.
 
Altre sull'argomento
Altro parere
Altro parere
Disgustoso quell'ordine
La politica che manca all'Europa
La politica che manca all'Europa
Sintesi degli editoriali dei principali giornali
Amministrative ed effetti politici
Amministrative ed effetti politici
Le elezioni comunali del 3-4 ottobre non dovrebbero influenzare gli ...
Inflazione da mercati chiusi
Inflazione da mercati chiusi
Tornare all'apertura dei mercati è una questione politica
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.