Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

La Bce più attenta alle dinamiche reali

Tollererà temporanei aumenti dell'inflazione oltre il 2%

Marcello Messori 22/07/2021

La Bce più attenta alle dinamiche reali La Bce più attenta alle dinamiche reali Oggi la Banca centrale europea (Bce) incomincerà a rendere operativa la sua nuova strategia di politica monetaria, decisa meno di due settimane fa. I molti cambiamenti, introdotti in questa strategia, sono espressi con un lessico prudente e spesso sistematizzano pratiche già adottate in anni recenti; essi compongono comunque un quadro articolato che, almeno per il decennio in corso, dovrebbe indurre una politica monetaria europea più espansiva di quella adottabile con la vecchia impostazione. La nuova simmetria nell’obiettivo di inflazione intorno al 2% e il rafforzamento dell’ottica di medio periodo indicano che la Bce reagirà più prontamente a una dinamica insufficiente dei prezzi e tollererà temporanei innalzamenti del tasso di inflazione oltre il 2%. La più esplicita attenzione alla stabilità finanziaria e alla dinamica dell’economia ‘reale’ suggerisce che, nell’ambito del suo mandato, la Bce fornirà liquidità per assorbire il negativo impatto delle innovazioni sui livelli occupazionali e per favorire lo sviluppo dei mercati finanziari europei; e tale propensione dovrebbe più che compensare i prevedibili incrementi dei prezzi, imputabili all’appropriata scelta di includere gradualmente i valori immobiliari di mercato nella nuova misura dell’inflazione. Infine, il più stretto nesso di continuità, istituito fra politica dei tassi di interesse e politiche cosiddette ‘non convenzionali’, indebolirà le posizioni pregiudizialmente contrarie all’acquisto di titoli pubblici da parte della Bce.
 
Il quadro descritto non comporta che la prima applicazione della nuova politica monetaria della Bce si traduca in ulteriori espansioni. Secondo le aspettative più ragionevoli, oggi questo quadro permetterà di prolungare le iniziative in atto nonostante il forte rimbalzo economico e le fiammate inflazionistiche che caratterizzeranno l’euro-area nei prossimi trimestri; e, soprattutto, esso servirà ad addolcire la futura sostituzione del programma pandemico (PEPP) con un rafforzato programma di acquisto di titoli (APP).
Altre sull'argomento
La trappola del caro energia
La trappola del caro energia
Dal punto di vista economico è dannoso contenere gli aumenti
La Bce e l'euro digitale
La Bce e l'euro digitale
Ma ci sono difficoltà per emettere cripto-valute legali
Agenda della settimana
Agenda della settimana
Martedì 21 76esima assemblea Onu. Giovedì 23 Assemblea Confindustria
Inflazione da mercati chiusi
Inflazione da mercati chiusi
Tornare all'apertura dei mercati è una questione politica
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.