Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Ora il treno del Pnrr è davvero partito

La partita si gioca in gran parte in Italia, e vincerla dipende da tutti noi

Riccardo Perissich 15/07/2021

Ora il treno del Pnrr è davvero partito Ora il treno del Pnrr è davvero partito È cominciato con un problema: la pandemia, che provocava uno shock simmetrico per tutta l’UE, ma con effetti asimmetrici su economie strutturalmente diverse e già provate dalla crisi finanziaria. Dal problema è nata un’idea: che un grande sforzo di solidarietà potesse permettere di diminuire le divergenze, non nel solo interesse dei beneficiari, ma di tutti. L’idea è diventata un progetto che, superando ostacoli di vario tipo, si è trasformato in programma: il Next Generation EU, cioè la possibilità per l’UE di andare sul mercato e raccogliere ingenti risorse per finanziare grandi programmi di rilancio e di trasformazione strutturale dei singoli paesi.
 
Ora il programma è operativo. Il Consiglio dell’UE ha approvato i programmi nazionali di 12 Paesi, fra cui tutti i maggiori e anche l’Italia. Ora il treno può partire e si vedrà se l’Europa e i singoli paesi saranno in pratica capaci di rispondere alla sfida. Dal successo di questa operazione dipendono molte cose; in un certo senso il futuro stesso dell’Unione. Persino un paese normalmente distratto come il nostro è ormai consapevole che molto dipende da noi. Siamo, con quasi 200 miliardi, il principale beneficiario di tutta l’operazione. L’Italia è la terza economia dell’UE, ma fra le maggiori anche quella con la più bassa produttività, la più bassa crescita negli ultimi decenni e i più gravi problemi strutturali. Per una volta non è vuota retorica dire che la partita si gioca in gran parte qui. Il programma elaborato dal Governo, che ora è formalmente approvato dall’UE, è ambizioso ma realista. Trasformarlo in realtà dipende da ognuno di noi. 
Altre sull'argomento
Stato dell'Unione con poca strategia
Stato dell'Unione con poca strategia
Il discorso della Von der Leyen con alcune significative omissioni
Altro parere
Altro parere
La politica Ue sull'energia crea povertà
Moderati (a volte) si diventa
Moderati (a volte) si diventa
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
La Ue e la questione polacca
La Ue e la questione polacca
C'è chi vorrebbe l'uscita di Varsavia, ma sarebbe un'insensatezza ...
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.