Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Cambiamo le regole fiscali, finché siamo in tempo

Per evitare nuove spirali viziose tra austerità e recessione

Andrea Boitani 12/07/2021

Ursula von der Leyen Ursula von der Leyen Le regole fiscali previste dal Patto di Stabilità e Crescita - al di là della complicazione (il vademecum per "spiegarle" era di oltre 200 pagine) - erano capaci di innescare una spirale viziosa tra austerità e recessione. Alcune simulazioni condotte col modello Quest della stessa Commissione Europea avevano stimato che le politiche di consolidamento fiscale, attuate tra 2011 e 2013 nell'Area Euro, avevano contribuito a provocare perdite cumulative di Pil (rispetto a uno scenario senza quelle politiche) comprese tra l'8% e il 18%, a seconda dei paesi. Nel marzo 2020 in piena pandemia da Covid-19, la Commissione si era affrettata a sospendere quelle regole, giustamente temendo possibili disastri.
 
Alla radice di effetti così perversi stanno le stime e le loro revisioni (entrambe discutibili) di variabili non osservabili e di dubbio valore empirico. Una revisione verso il basso del Pil potenziale conduce a una riduzione dell'output gap negativo e a un aumento del Nairu (il tasso di disoccupazione che non fa accelerare l'inflazione), anche se l'economia è visibilmente depressa (crescita minima o negativa e tasso di disoccupazione molto elevato, salari stagnanti). Ma se l'output gap si riduce, il disavanzo primario strutturale stimato aumenta e la Commissione deve richiedere manovre restrittive, che avranno l'effetto di mettere in moto un nuovo round di riduzione del Pil e di revisione delle stime delle variabili non osservabili, ecc.
 
La revisione delle stime, poi, è così frequente (e anche retrospettiva), che lo spazio fiscale di un paese (presente, passato e futuro) cambia ogni pochi mesi, senza che nulla sia in effetti cambiato nelle variabili osservate (disoccupazione, crescita dei salari, deficit effettivo, ecc.). Le conseguenze per la programmazione di bilancio sono assurde e spingono i paesi a cercare ogni sotterfugio per sfuggirvi, minando al tempo stesso la credibilità dell'intera impalcatura fiscale europea e il prestigio della Commissione. Sarà bene cancellare tali obbrobri dal Patto di Stabilità e Crescita prima che torni in vigore e ricominci a fare danni. E sarà anche meglio rivedere completamente un Patto basato su regole complicate, (fintamente) automatiche e (realmente) stupide.
Altre sull'argomento
Che accadrà in Germania?
Che accadrà in Germania?
Se Scholz diventerà cancelliere potrebbe allentare l'austerità e ...
Stato dell'Unione con poca strategia
Stato dell'Unione con poca strategia
Il discorso della Von der Leyen con alcune significative omissioni
Altro parere
Altro parere
La politica Ue sull'energia crea povertà
Moderati (a volte) si diventa
Moderati (a volte) si diventa
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.