Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Euro forte e (falsi) timori per l'export

L'Europa non può basarsi sulle esportazioni e deve rafforzare la domanda interna

Innocenzo Cipolletta 17/12/2020

Banconote di euro e dollari Banconote di euro e dollari L'euro si rafforza rispetto al dollaro e tornano le paure per le nostre esportazioni. Saranno penalizzate da un euro troppo forte? Il dollaro debole è un favore agli Usa? Tutte queste paure sono figlie di un passato che non vuole morire. Abbiamo costruito l'euro per non essere più alla mercé dei tassi di cambio delle monete europee. Una moneta forte stabilizza l'economia ed esalta la domanda interna.
 
La crescita dell'Europa non può dipendere dalle esportazioni, ma deve assolutamente derivare dalla sua domanda interna e un euro forte aiuta in questo senso perché aumenta il potere d'acquisto dei residenti rispetto alle importazioni in una fase in cui i conti con l'estero dell'Europa sono positivi. Quindi, nessuna paura per un euro forte, mentre dobbiamo insistere per politiche che sostengano la domanda interna. Fra queste, sicuramente il Piano di Recupero e Resilienza varato dalla Commissione Europea giocherà un ruolo rilevante.
Altre sull'argomento
Recovery Plan e “libro dei sogni”
Recovery Plan e “libro dei sogni”
Il nostro Piano non sarà esaltante, ma appare fattibile con ...
Le ragioni nascoste della crisi
Le ragioni nascoste della crisi
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
La crisi e lo
La crisi e lo "stile" del premier
Se la pandemia richiede un accentramento di decisioni, il Recovery ...
Le 47 “scatole” del PNRR
Le 47 “scatole” del PNRR
Due decisioni per evitare erogazioni a pioggia che non raggiungano ...
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.